Caccia di cinghiali in zona protetta: Forestale rimuove trappole

CRONACA FORINO – Gli agenti del Comando Stazione del Corpo forestale dello Stato di Forino, nei giorni scorsi, nell’ambito di controlli mirati alla protezione della fauna selvatica ed alla repressione del fenomeno in crescita del bracconaggio, hanno effettuato diversi accertamenti in varie località montane. Le attività di contrasto hanno interessato diverse località in agro del comune di Forino ed in particolare quella denominata “Boschitiello”, dove all’interno di una sezione boschiva, c…

CRONACA FORINO – Gli agenti del Comando Stazione del Corpo forestale dello Stato di Forino, nei giorni scorsi, nell’ambito di controlli mirati alla protezione della fauna selvatica ed alla repressione del fenomeno in crescita del bracconaggio, hanno effettuato diversi accertamenti in varie località montane. Le attività di contrasto hanno interessato diverse località in agro del comune di Forino ed in particolare quella denominata “Boschitiello”, dove all’interno di una sezione boschiva, condotta a bosco ceduo castanile ed inibita totalmente alla caccia, in quanto oasi di ripopolamento per la fauna selvatica, venivano scoperti, occultati da frascame, diversi [ami in acciaia, muniti di fermi metallici, appositamente ancorati ad alcune piante di castagno, disposti a poca distanza fra loro e lungo gh usuali passaggi dei cinghiali.
Tali mezzi di cattura, predisposti con sistema a cappio erano stati collocati con l’intento di catturare, con inusuale violenza, le prede al proprio passaggio, secondo metodiche purtroppo in uso ai bracconieri, soprattutto di cinghiali, del luogo. Risultando tali arnesi di cattura non a norma, in quanto non rientranti tra i mezzi di caccia consentiti, gli agenti del Corpo forestale dello Stato di Forino procedevano prontamente alla loro rimozione e sequestro. Nel contempo gli stessi informavano l’Autorità Giudiziaria per quanto accertato. All’attualità sono in atto le relative indagini tese ad assicurare alla giustizia i responsabili. I mezzi di cattura illegali venivano rinvenuti in un’impervia località montana, difficilmente raggiungibile anche a piedi e pertanto popolata sia da scrofe di cinghiali con i loro piccoli, che da altri animali selvatici, quali volpi e tassi. E’ da evidenziare come tali congegni illegali ed incivili spesso provochino gravi incidenti anche a malcapitati escursionisti e/o frequentatori a vario titolo della montagna, che sovente restano vittime di tali trappole. L’operazione in questione posta in essere dal Corpo forestale dello Stato s’inquadra fra quelle tese alla salvaguardia della fauna selvatica, alla repressione del bracconaggio e dei mezzi illeciti utilizzati per la caccia. Le attività di contrasto a simili fenomeni proseguiranno sull’intera provincia.

Ultimi Articoli

Calcio Avellino

Avellino concentrato con le ‘piccole’ per la rincorsa

8 Dicembre 2021 0

di Dino Manganiello Adesso è necessario capovolgere quanto fatto finora. Perché dopo aver sottolineato le buonissime prestazioni dell’Avellino contro le migliori dell’attuale classifica, c’è da ricordare, anche se è doloroso, che i biancoverdi hanno perso […]

Cultura ed Eventi

Esiste l’inquilino sicuro: ecco chi è

8 Dicembre 2021 0

Esiste l’inquilino sicuro? Ossia quell’inquilino che non crea problemi di morosità e che garantisce nella massima serenità la rendita di un immobile?Gianluca Russo, Ceo di Solo Affitti Avellino ci ha spiegato come funziona la politica del marchio Solo Affitti , […]

Attualità

A Summonte melodia antistress grazie a tiglio secolare

7 Dicembre 2021 0

Ha più di 240 anni ed è censito nello speciale elenco degli alberi monumentali d’Italia. Oltre a rappresentare da sempre uno straordinario valore estetico e paesaggistico. Ma ora diventa anche strumento “terapeutico”. Si tratta del […]