Buonalbergo, droga in tasca a 13 anni: segnalato irpino

BUONALBERGO (BN) – Sorpreso a soli 13 anni con in tasca due grammi di hashish. Il giovanissimo, della provincia di Avellino, è stato notato dai Militari della Stazione di Buonalbergo, impegnati in un servizio notturno nell’ambito dell’operazione “Estate Sicura”, insieme ad altri due coetanei all’interno dei giuardini comunali del paese. Sia l’ora tarda che l’atteggiamento allarmato dei tre alla vista della pattuglia, hanno spinto i Militari a procedere al controllo dei giovani, uno dei quali, poco più che tredicenne, è stato trovato in possesso di du grammi di hashish che probabilmente sarebbe stato consumato quella notte e, forse, offerto anche ai due coetanei.
Sequestrato lo stupefacente, i Miliotari hanno affidato ai genitori il minore che sarà segnalato alla Prefettura di Benevento come assuntore di stupefacenti. Sempre più bassa la fascia di età delle persone che fanno uso di stupefacenti, a poco più 24 ore dalla denuncia in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti di un 21enne del capoluogo, sorpeso dai Carabinieri della Stazione di Benevento con dieci grammi di hashish nei pressi dello stadio comunale, un altro giovanissimo, addirittura tredicenne, è stato sorpreso in possesso di stupefacenti.
Una tendenza pericolosa se si pensa che una recente Pubblicazione del Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri, “Cannabis e danni alla salute”, cui hanno collaborato 53 neuroscienziati, psicologi, sociologi, clinici ed operatori sociali, conferma l’ipotesi che l’assunzione precoce di cannabis (a 16 anni o prima), in tutte le sue forme, possa esporre al rischio di acquisire consuetudine o dipendenza da altre sostanze stupefacenti, con ripercussioni sul sistema nervoso centrale. Gli esperti spiegano che il cervello di un adolescente non ha ancora raggiunto la maturazione e che l’esposizione alla cannabis nel periodo critico dello sviluppo neuronale, che prosegue anche oltre i 20 anni di età, può alterare i processi di maturazione rendendo l’individuo più vulnerabile agli effetti neurotossici.
Effetti tra i quali si possono citare danni cognitivi (deficit di attenzione, apprendimento, memoria, flessibilità mentale e velocità di processamento delle informazioni), ma anche modificazioni comportamentali disadattative o psicologiche, o effetti fisici come arrossamento degli occhi, secchezza delle fauci e tachicardia. Secondo gli esperti, quindi, la cannabis è una delle sostanze responsabili dell’alterazione della capacità di apprendimento nei giovani, della diminuita capacità di affrontare i problemi della vita, del più facile passaggio al consumo di altre droghe e dell’insorgere di patologie psichiatriche.

Ultimi Articoli

Attualità

Covid in Irpinia: 50 positivi. 17 ad Avellino

7 Dicembre 2021 0

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 917 tamponi effettuati sono risultate positive al Covid 50 persone: – 1, residente nel comune di Aiello del Sabato; – 2, residenti nel comune di Avella; – 17, residenti nel […]

Cervinara

Evade più volte dai domiciliari, 50enne condotto in carcere

7 Dicembre 2021 0

Ristretto ai domiciliari per evasione, aveva più volte posto in essere comportamenti incompatibili con la prosecuzione della misura alternativa a cui era sottoposto. La puntuale refertazione di quanto rilevato dai Carabinieri della Stazione di Cervinara […]

Calcio Avellino

Avellino Bari : i lupi evitano nel finale la sconfitta

6 Dicembre 2021 0

Finisce in parità il monday night della diciassettesima giornata di serie C tra Avellino e Bari 1-1. In vantaggio la capolista con Antenucci al 33′ su rigore , pareggio al 83′ di Kanoutè per i lupi. IL TABELLINOMarcatori: rig. Antenucci 33′, Kanouté […]

Attualità

Covid in Irpinia: 14 casi

6 Dicembre 2021 0

L’Azienda Sanitaria Locale comunica che, su 168 tamponi effettuati, sono risultate positive al Covid 14 persone: – 1, residente nel comune di Ariano Irpino; – 1, residente nel comune di Atripalda; – 1, residente nel […]