Bruciano plastica e vecchi materassi: aria irrespirabile e due denunciati

I Carabinieri della Stazione di Senerchia hanno denunciato due persone del luogo, ritenute responsabili di Combustione illecita di rifiuti.

I militari hanno notato del fumo fastidioso, particolarmente denso e acre, che rendeva l’aria irrespirabile e dopo aver individuato l’esatto punto in cui era stato appiccato il fuoco, hanno identificato i presunti responsabili che, in area demaniale, avevano accumulato e dato fuoco a cartoni, materiale plastico e materassi al fine di smaltirli illecitamente.

Alla luce degli elementi di colpevolezza raccolti, nei confronti dei due soggetti è scattato il deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

Ultimi Articoli

Top News

Superlega dimezzata, lasciano i club inglesi

21 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – I club fondatori della Superlega, annunciata domenica sera, si sono già dimezzati dopo le forti pressioni del mondo dello sport e della politica. A meno di 48 ore dall’annuncio del rivoluzionario torneo, cinque club inglesi su sei (manca solo il Chelsea che lo dovrebbe ufficializzare a breve) hanno lasciato la neonata Superlega. […]

[…]

Top News

Superlega in bilico, club inglesi e spagnoli in dubbio

20 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Le forti pressioni del mondo dello sport e della politica fanno già vacillare la Superlega. A meno di 48 ore dall’annuncio del nuovo progetto che potrebbe rivoluzionare il calcio europeo, alcuni dei 12 club fondatori avrebbero manifestato i primi dubbi. In particolare quattro società inglesi potrebbero rispondere con un clamoroso dietrofront alle […]

[…]

Top News

Coronavirus, 12.074 nuovi casi e 390 decessi in 24 ore

20 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Crescono i contagi in Italia nelle ultime 24 ore. Secondo il bollettino del Ministero della Salute i nuovi positivi sono 12.074, in netta crescita rispetto gli 8.864 di ieri, e questo a fronte di un notevole incremento dei tamponi processati, 294.045, determinando un tasso di positività che scende al 4,1%. A crescere […]

[…]