Baby squillo, interrogati anche i due clienti arrestati

Dopo il gestore del circolo anche uno dei due clienti finiti in manette, un imprenditore di 85 anni, fa scena muta davanti ai giudici. Ha scelto di parlare per controbbattere le accuse, invece, il professionatita 50enne, anch’egli arrestato perché accusato di aver fatto sesso con ragazzine minorenni. Si è chiuso oggi davanti al gip del tribunale di Napoli il ciclo degli interrogatori di garanzia nell’ambito dell’inchiesta sul giro di prostituzione minorie che ruotava intorno ad una sala giochi di Avellino. I due clienti – accusati di atti sessuali con minori – sono agli arresti domiciliari mentre il gestore del locale è detenuto nel penitenziario di Bellizzi Irpino. I difensori degli indagati hanno preannunciato ricorso al tribunale del Riesame per chiedere l’annullamento delle misure cautelari.

Ultimi Articoli

Top News

Veronafiere Restart, evento in presenza per prima iniziativa 100% online

26 Settembre 2020 0
VERONA (ITALPRESS) – Un’iniziativa in presenza per lanciare il primo evento 100% online organizzato da Veronafiere. E’ quella che la Spa di viale del Lavoro promuove attraverso Veronafiere ReStart, mercoledì 30 settembre (inizio ore 10.30), nell’Auditorium Verdi (PalaExpo) con l’architetto e urbanista Stefano Boeri che terrà una lectio magistralis sul tema “Natura e architettura: nuove […]

[…]

Top News

Maltempo, oltre mille interventi dei vigili del fuoco in tutta Italia

26 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Sono più di 1.000 gli interventi di soccorso effettuati dai vigili del fuoco per il maltempo che da ieri sta interessando il Nord Italia e il versante tirrenico della penisola. Particolarmente coinvolte Lombardia, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Lazio e Campania. In Lombardia, nelle province di Varese e Como proseguono gli interventi per alberi […]

[…]

Top News

M5S, Fico “La crisi era inevitabile, ora serve una guida condivisa”

26 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Noi abbiamo creato qualcosa di diverso, ma è chiaro che quando eravamo nati eravamo contro il potere e ora al potere ci siamo noi. Dobbiamo risolvere questa contraddizione, la crisi era inevitabile con la nostra entrata al governo”. A dirlo il presidente della Camera, Roberto Fico, in un’intervista al “Fatto Quotidiano” a […]

[…]