Avella: auto a fuoco, provvidenziale intervento dei pompieri

Ancora un’auto a fuoco ad Avella. E’ accaduto intorno 6 di questa mattina. Sul posto una squadra dei vigili del fuoco. L’incendio si è sviluppato lungo il viale Lungo Clanio. Le fiamme hanno interessato una Fiat 600, parcheggiata poco distante dall’abitazione del proprietario. I caschi rossi hanno provveduto allo spegnimento del rogo ed alla messa in sicurezza dell’area interessata dall’incendio. …

Ancora un’auto a fuoco ad Avella. E’ accaduto intorno 6 di questa mattina. Sul posto una squadra dei vigili del fuoco. L’incendio si è sviluppato lungo il viale Lungo Clanio. Le fiamme hanno interessato una Fiat 600, parcheggiata poco distante dall’abitazione del proprietario. I caschi rossi hanno provveduto allo spegnimento del rogo ed alla messa in sicurezza dell’area interessata dall’incendio.

Ultimi Articoli

Top News

Napoletano “Credito Draghi può fare bene all’Italia”

18 Giugno 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Non so se nella comunità nazionale c’è fino in fondo la consapevolezza del credito personale a livello internazionale che Draghi ha conquistato in Europa e fuori dall’Europa. Questo credito, che riguarda la persona, può fare molto bene all’Italia anche perchè l’Italia, benchè non lo diciamo mai o lo diciamo poco, è scesa […]

[…]

Top News

Confcommercio stima per 2021 Pil +4,5-5% e consumi +3,8%

18 Giugno 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Consolidate le prospettive di una crescita del Pil per il 2021 prossima tra il 4,5% e il 5%. Secondo i dati che emergono dal Rapporto dell’Ufficio Studi di Confcommercio, infatti, nel mese di giugno le progressive riaperture e i primi timidi segnali di ripresa del turismo, al momento principalmente domestico o proveniente […]

[…]

Top News

Covid, 64% liberi professionisti teme mancato pagamento fatture

18 Giugno 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – A causa della pandemia da Covid 19, cresce il timore dei liberi professionisti per il mancato pagamento delle fatture (64%), ma a preoccuparli sono anche i furti di identità informatica (41%) e l’eventuale esposizione mediatica a seguito di inchieste penali in cui potrebbero essere coinvolti (30%). E’ quanto emerge da uno studio […]

[…]