Attentati in città e a Monteforte, le precisazioni di Gengaro

AVELLINO – “In merito agli episodi di criminalità, verificatisi la notte di Capodanno, ad Avellino in centro e a Monteforte ai danni di un’ antica proprietà della mia famiglia, devo testimoniare, per onore di verità, che il Sindaco Galasso è stato tra i primi ad esprimermi solidarietà e che si è subito impegnato per affrontare nel Comitato per la Sicurezza e l’Ordine Pubblico, sede competente in materia, le questioni dei vili attentati avvenuti di recente nel capoluogo”. Questa la precisazione da parte del presidente del consiglio comunale di Avellino, Antonio Gengaro, sugli attentati in città e contro di lui. “Circa le interpretazioni sull’allontanamento del sindaco – continua Gengaro – nella seduta di consiglio comunale di ieri (4 gennaio), mentre si discuteva di un normale ordine del giorno per l’istituzione di un mercatino agro- alimentare, debbo precisare che il primo cittadino mi aveva preannunciato che durante la serata avrebbe dovuto partecipare ad un importante evento a favore dei bambini della città ospedaliera Moscati, in contemporaneo svolgimento al teatro Carlo Gesualdo. Dunque il suo allontanamento dai lavori era ampiamente giustificato. Alla luce degli ultimi episodi – conclude il presidente del consiglio comunale di Avellino – auspico che in città e nel consiglio comunale si possa recuperare un clima di serenità per potere affrontare e risolvere i difficili problemi di Avellino”.

Ultimi Articoli

Attualità

Un ulivo per Chiara, vittima del Covid a 17 anni

3 Dicembre 2021 0

A distanza di un anno dalla scomparsa di Chiara Vittoria, la più giovane vittima del Covid-19 in Irpinia, i genitori della 17enne di Avella ricorderanno la cara figlia piantando un ulivo nell’aiuola di fronte al […]