Assegni rubati, maxi inchiesta: 56 a processo

In 56 dovranno affrontare il processo per l’inchiesta su giro vorticoso di assegni rubati e riciclati. A finire nei guai anche impiegati bancari e postali. Le accuse, a vario titolo, per associazione a delinquere,riciclaggio e falso. A guidarla ci sarebbe stato il napoletano Giuseppe Lampitelli, che si procurava gli assegni rubati e ne modificava i destinatari inserendo i nomi dei complici e poi ci sono una serie di figure intermedie che avevano tra Salerno e la Valle dell’Irno. La maxi truffa, …

In 56 dovranno affrontare il processo per l’inchiesta su giro vorticoso di assegni rubati e riciclati. A finire nei guai anche impiegati bancari e postali. Le accuse, a vario titolo, per associazione a delinquere,riciclaggio e falso. A guidarla ci sarebbe stato il napoletano Giuseppe Lampitelli, che si procurava gli assegni rubati e ne modificava i destinatari inserendo i nomi dei complici e poi ci sono una serie di figure intermedie che avevano tra Salerno e la Valle dell’Irno. La maxi truffa, tra il 2010 e il 2011, ai danni di otto compagnie di assicurazione e tredici istituti di credito, oltre ai reali beneficiari dei pagamenti. L’inchiesta arriva dalla Procura di Avellino. Tra Salernitano e Irpinia a fare da collettori ci sarebbero stati Alfredo Barletta nella zona di Campagna e la salernitana Silvana Salvati a Mercato San Severino, insieme a Gaetano Alfano e Clemente Carpentieri che operavano tra Serino e Montoro. Di Montoro è anche Mary Mazzei, che secondo gli inquirenti si avvaleva di Luigi Galdi, impiegato all’ufficio postale di Carifi a Mercato San Severino. A processo anche Natascia Viviani, Rosa Longo e Donato Costantino di Campagna; i salernitani Alfonso Rago, Cristian Cafaro di Pellezzano, Pasquale Russo di Montoro Superiore, Massimo Senatore di Fisciano, Vincenzo Senatore di Pontecagnano; e a Mercato San Severino Nicola Botta, Rocco Pierri di Salerno, Sergio Rainone, Andrea e Natale Iannone di Nocera, Marco Schiavone di Salerno, Benedetto Esposito di Salerno, Sabatino e Pietro Imparato di Nocera Superiore; poi Gennaro Villari di Baronissi, i paganesi Pietro Grilletto, Maria De Gregorio e Ferdinando Pepe; e ancora, a Roccapiemonte, Nicola Fimiani, Silvio Pinto, Silvana Tamasco di Pagani. Il processo inizierà a febbraio.

Ultimi Articoli

Attualità

Covid in Irpinia: 18 nuovi positivi

25 Settembre 2021 0

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 597 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID 18 persone: –  2, residenti nel comune di Avella; –  2, residenti nel comune di Avellino; –  1, residente nel comune di Baiano; –  2, residenti nel comune di Chianche; –  […]

Top News

Covid, 3.525 nuovi casi e 50 decessi in 24 ore

25 Settembre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Sono 3.525 i nuovi casi di Coronavirus in Italia (3.797 il 24 settembre) a fronte di 357.491 tamponi effettuati su un totale di 91.122.631 da inizio emergenza. E’ quanto si legge nel bollettino del Ministero della Salute-Istituto Superiore di Sanità di oggi. Nelle ultime 24 ore sono stati 50 i decessi (il […]

[…]

Avellino

Avellino, provoca incidente e si dà alla fuga: denunciato

25 Settembre 2021 0

I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Avellino hanno denunciato un 40enne, già noto alle Forze dell’Ordine, ritenuto responsabile dei reati di guida in stato di ebbrezza con l’aggravante di aver provocato un sinistro […]

Top News

Pil, Franco “Nel 2021 +6%, vera sfida è rendere stabile la crescita”

25 Settembre 2021 0
LECCE (ITALPRESS) – “Quest’anno cresceremo del 6 per cento circa, l’anno prossimo almeno del 4 per cento. Sono tassi molto elevati, anche più elevati di quelli che ci aspettavamo. Ma dobbiamo tenere a mente che l’anno scorso abbiamo perso nove punti di Pil”. Lo ha detto il ministro dell’Economia, Daniele Franco intervenendo a un convegno […]

[…]