Aggredisce i Carabinieri e tenta la fuga dalla Caserma: arrestato spacciatore

Per sottrarsi al controllo, aggredisce i Carabinieri e tenta la fuga.

Un 20enne di San Potito Ultra è stato tratto in arresto, ritenuto responsabile di minaccia e resistenza aggravata a Pubblico Ufficiale, nonché di lesioni personali e danneggiamento.

L’episodio è avvenuto a Paternopoli. Il giovane è stato sorpreso in atteggiamento sospetto da una pattuglia della locale stazione dei Carabinieri.

Alla richiesta di fornire i documenti di identità, il 20enne ha dapprima insultato i Carabinieri e poi si è scagliato addosso, in una escalation di livore. I Militari, colpiti e feriti in modo lieve, sono riusciti a fermarlo con notevole difficoltà, evitando conseguenze più gravi.

Come se non bastasse, condotto in caserma, il giovane ha provato un maldestro tentativo di fuga: con un calcio ha danneggiato la porta di un ufficio, venendo prontamente bloccato.

A conclusione delle operazioni di perquisizione, il 20enne è stato trovato in possesso di una modica quantità di hashish e, quindi, arrestato.

Ultimi Articoli

Top News

Coronavirus, per Gentiloni economia rallenta ma fiducia nel futuro

27 Ottobre 2020 0
MILANO (ITALPRESS) – La seconda ondata del Covid-19, che ha colpito gran parte dei paesi europei, provocherà sicuramente un ulteriore rallentamento economico. E’ quanto ha sostenuto il Commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni, nel corso dell’Intereconomics conference del Ceps. “Le misure che i governi europei hanno dovuto adottare per abbassare la curva, restringendo spostamenti e contatti […]

[…]

Top News

Coronavirus, Renzi “Siamo in maggioranza ma non saremo mai ‘yes man’”

27 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Leggo polemiche sulla nostra semplice richiesta al Premier di rivedere il DPCM. Chiudendo ristoranti alle 18 e chiudendo i luoghi della cultura non diminuiscono i contagiati: aumentano solo i disoccupati. Chiedere di riflettere su basi scientifiche e non su emozioni passeggere è un atto di responsabilità contro la superficialità”. Lo scrive su […]

[…]