Buste paga truccate: condannati tre dipendenti comunali di Atripalda

Sono stati condannati i tre dipendenti del comune di Atripalda responsabili di avere manomesso il sistema informatico del Comune per inserire nelle loro buste paga voci stipendiali non dovute.

Al termine di un lungo e complesso iter giudiziario, è emerso un danno certo e attuale patito dal Comune di Atripalda pari ad euro 162.060,00 oltre rivalutazione e interessi, corrispondenti agli importi fraudolentemente percepiti da tre dipendenti.

Come funzionava

Secondo una dettagliata ricostruzione dei fatti, la vicenda sarebbe stata ideata nel 2009 da uno dei tre dipendenti comunali con l’inserimento nelle proprie buste paga di alcune voci stipendiali – non dovute – per far lievitare i propri emolumenti mensili.

Per concretizzare l’operazione si era resa necessaria la complicità di una collega di lavoro, addetta all’Ufficio Ragioneria che avrebbe così predisposto mandati di pagamento, ideologicamente falsi, sulla scorta dei dati informatici anch’essi ideologicamente falsi inseriti nel sistema informatico.

Tali mandati di pagamentoerano poi stati firmati dal funzionario responsabile senza che questi potesse però accorgersi della modifica compiuta alle buste paga, poichè i mandati riguardavano complessivamente il pagamento per tutti i dipendenti.

Verifica e denuncia

Per non destare sospetti ed uniformare il trattamento economico dei dipendenti risultante dalle buste paga alterate, sarebbe poi stata attribuita la voce stipendiale non dovuta (“indennità chilometrica”) ad altri dipendenti, certamente al corrente del meccanismo fraudolento.

Una vicenda andata avanti per diversi anni, fino al febbraio del 2015, quando era stata scoperta l’anomala situazione attraverso una verifica interna.

Nei confronti dei soggetti coinvolti, era stata presentata denuncia all’autorità giudiziaria con il successivo rinvio a giudizio dei tre dipendenti del Comune di Atripalda per il reato di truffa e di falso in concorso con il sequestro preventivo fino a concorrenza di euro 71.850,00 nei confronti di Vecchione Antonietta, di euro 68.060,00 nei confronti di Iandoli Luigi e di euro 22.150,00 nei confronti di  Iandolo Irene.

Il sequestro preventivo non sarebbe stato invece disposto nei confronti di un quarto dipendente di Atripalda in considerazione del fatto che costui aveva restituito l’importo di euro 8.580,00, pari alla somma indebitamente percepita a titolo di indennità chilometrica dal giugno 2013 al gennaio 2015.

La sentenza

Ora è stata emessa la sentenza dalla Sezione Giurisdizionale regionale per la Campania (composta dai  magistrati, Salvatore Nicolella, Robert Schülmers von Pernwerth, Benedetta Cossu) che ha così stabilito: condanna Vecchione Antonietta, Luigi Iandoli e Irene Iandolo a pagare, in favore del Comune di Atripalda, la somma di € 162.060,00, oltre alla rivalutazione monetaria e agli interessi compensativi da calcolarsi, dalla data dei singoli mandati di pagamento e sino alla pubblicazione della presente sentenza, secondo i criteri indicati e con obbligo di corrispondere gli interessi legali, dalla data della pubblicazione della presente sentenza e sino al soddisfo, sulla somma in tal modo rivalutata.

Inoltre condanna gli stessi a pagare all’Erario, in via solidale (ma con la ripartizione, precisata in motivazione, nell’ambito del loro rapporto interno), le spese di giudizio pari a € 621,00.

Dichiara che il sequestro conservativo disposto ante causam nei confronti di Vecchione Antonietta e Luigi Iandoli si converte in pignoramento nei limiti dell’importo complessivo di condanna.

 

Ultimi Articoli

Attualità

Furbetti all’Asl di Avellino, 27 condanne

18 Ottobre 2021 0

Ventisette condanne e sei assoluzioni nel processo di primo grado nei confronti di 33 dipendenti ed ex dipendenti della Asl di Avellino accusati di assentarsi dal lavoro dopo aver “strisciato” il badge. Il giudice monocratico, […]

Top News

Covid, 1.597 nuovi casi e 44 decessi in 24 ore

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Secondo il bollettino del ministero della Salute, i nuovi positivi sono 1.597 (rispetto ai 2.437 del 17 ottobre). I tamponi processati sono 219.878 che portano il tasso di positività a 0,73%. Oggi si registrano 44 decessi (ieri erano 24). I guariti sono 2.756 mentre per gli attualmente positivi si registra un decremento […]

[…]

Top News

Lo Russo nuovo sindaco di Torino “Risultato entusiasmante”

18 Ottobre 2021 0
TORINO (ITALPRESS) – Stefano Lo Russo è il nuovo sindaco di Torino. Al ballottaggio per le comunali il candidato del centrosinistra è in testa con il 59,2 dei voti (proiezione Opinio Rai) mentre Paolo Damilano (centrodestra) si ferma al 40,8. “Il risultato è entusiasmante, va oltre le aspettative, e ci responsabilizza” commenta Lo Russo. “Ringrazio […]

[…]

Top News

Gualtieri nuovo sindaco di Roma “Inizia un lavoro straordinario”

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Adesso inizia un lavoro straordinario, per far funzionare meglio Roma, per essere una città produttiva, una città della cultura, della scienza, dell’innovazione, vicina alle persone”. Lo ha detto il neo sindaco di Roma, Roberto Gualtieri commentando le proiezioni che lo danno in netto vantaggio rispetto al suo avversario Michetti. “Grazie per questo […]

[…]

Top News

Gualtieri e Lo Russo vincono a Roma e Torino, Dipiazza avanti a Trieste

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Roberto Gualtieri e Stefano Lo Russo sono i nuovi sindaci di Roma e Torino. A spoglio ormai avanzato, è troppo largo il margine che i due esponenti del centrosinistra hanno sugli avversari di centrodestra Enrico Michetti e Paolo Damilano.A Torino, a due terzi dello scrutinio, Lo Russo ha raccolto il 58,97% dei […]

[…]

Top News

Inzaghi “Battere lo Sheriff è fondamentale”

18 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – “Domani è una partita importantissima, è la terza del girone e non abbiamo ancora vinto. Affronteremo una squadra che è a punteggio pieno e verrà qui sulle ali dell’entusiasmo dopo aver battuto Shakhtar e Real: dovremo fare una grandissima partita e vincerla per rimettere in palio tutta la qualificazione”. Simone Inzaghi e […]

[…]