Avellino, sventata rapina in Piazza Castello: la Polizia sulle tracce dei tre uomini

Si sono presentati all’ora di chiusura all’ingresso della Banca Credem di Avellino, situata in Piazza Castello.

Due uomini hanno provato a entrare con l’aria di chi dovesse compiere una normale operazione bancaria.

La funzionaria che era dietro il vetro della porta di accesso, però, non ha azionato il pulsante per favorire il loro ingresso.

“Avevano facce che non ispiravano fiducia, non erano nostri clienti, ho ritenuto di non aprire”, ha spiegato poi la donna agli uomini della sezione Volanti prontamente intervenuti.

Perchè la funzionaria, mentre negava l’accesso ai due uomini dalle “brutte facce”, s’era premurata di attivare il sistema di allarme che ha fatto immediatamente convogliare in zona Polizia e Carabinieri.

Quando sono arrivate le volanti e le gazzelle, dei due uomini si erano perse le tracce, praticamente svaniti nel nulla.

Attraverso le immagini delle videocamere di sorveglianza, però, è stato possibile tracciare un identikit dei due uomini. P

eraltro sarebbe stata pure notata una vettura in sosta dinanza alla banca con un uomo al volante, probabilmente il “palo”pronto a fare salire a bordo i due possibili complici.

Le indagini proseguono attivamente e potrebbero essere individuati e identificati i tre uomini che, in caso, dovranno fornire giustificazioni circa la loro presenza e il motivo della volontà di entrare in banca.

 

 

Ultimi Articoli

Top News

In Italia 600 mila nuovi poveri per il Covid

23 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – L’allargamento delle maglie del disagio sociale, un aumento delle disparità, un più ampio gender gap. Sono alcuni dei dati emersi dal secondo Rapporto Censis -Tendercapital sui Buoni Investimenti, “La sostenibilità al tempo del primato della salute”, presentato oggi, dal quale emerge una società in affanno, che a causa della pandemia vede ampliarsi […]

[…]

Top News

Il Covid frena l’export di vino, -4,6% per l’Italia

23 Novembre 2020 0
VERONA (ITALPRESS) – La pandemia condiziona il commercio mondiale di vino, ma anche qui l’impatto varia a seconda dei casi. Per l’Italia, che nel 2020 chiuderà il proprio export con un -4,6% a valore (6,1 miliardi di euro) sull’anno precedente, gli effetti saranno complessivamente più leggeri rispetto al trend globale (-10,5%) e ancora di più […]

[…]