Avellino, arresto direttore Ispettorato e vicenda Capaldo: domani nuovi sviluppi

E’ previsto per domani, lunedì, l’interrogatorio di garanzia per Renato Pingue, arrestato ed attualmente ai domiciliari.

Il Capo dell’Ispettorato Regionale del Lavoro, per il quale è scattata la sospensione dall’incarico, era direttore facente funzioni della direzione territoriale del lavoro di Avellino, all’epoca dei fatti contestati.

La vicenda per la quale è stata emessa una ordinanza, da parte del Giudice per le Indagini Preliminari dottor Fabrizio Ciccone, riguarda sia il 62enne funzionario di origini beneventane che alcuni imprenditori.

INTERROGATORIO

Domani si svolgerà l’interrogatorio di garanzia per il Pingue ma la vicenda pare possa portare a ulteriori sviluppi.

Non solo la “Antonio Capaldo spa”, il suo legale rappresentante il 77enne Gerardo Capaldo e Giovanni Attanasio della la “Natana.doc”.

Ci sarebbero altre persone nei confronti delle quali potrebbero essere emessi provvedimenti da parte della magistratura avellinese.

Lenta ma inesorabile, la giustizia continuerà a fare il suo corso.

Un pò per volta si arriverà a chiarire una storia che ha interessato sindacati, politici, imprenditori, operai, cooperative.

LAVORATORI

Si vuole arrivare al cuore del problema, chirire ogni posizione, fornire le dovute spiegazioni a gente che ha perso il posto di lavoro oppure ha dovuto accettare mortificanti buonuscite.

C’erano state intimidazioni o minacce per convincere qualche operaio ad accettare la liquidazione?

Erano personaggi che agivano autonomamente o su “delega”?

Ci sono poi le posizioni di funzionari e dipendenti dell’Ispettorato del Lavoro che all’epoca pure avrebbero ricevuto disposizioni “particolari”.

Per questo si prevedono sviluppi, attesi soprattutto da chi quelle situazioni ha vissuto direttamente.

Alcuni ex operai si sono trasferiti altrove, qualcuno s’è ammalato, qualche altro è morto di crepacuore, per il dispiacere, per le umiliazioni, per avere dovuto scegliere tra calpestare la dignità o andare via.

Famiglie che sono state condizionate, economicamente, e anche dal punto di vista morale.

MAGISTRATURA

Ci sarà massima attenzione su questa vicenda giudiziaria. Un pò come sta avvenendo per la Isochimica.

I sindacati saranno particolarmente impegnati a seguire gli sviluppi.

All’epoca non riuscirono a chiarire i buchi neri, a ottenere le risposte che potranno arrivare attraverso la magistratura.

Si vuole fare chiarezza su complicità e coperture.

I magistrati di Avellino hanno raccolto materiale in abbondanza.

Avranno molto da lavorare ma sono abituati a farlo.

Dovranno dimostrare che quanto asserito dai legali degli indagati (“E’ tutto falso”) è invece tutto vero e dimostrato.

Ormai la macchina è partita, difficilmente qualcuno potrà arrestarne la marcia.

 

Ultimi Articoli

Calcio Avellino

Avellino: Kanoute-Fella, brividi da ex al Barbera

26 Ottobre 2021 0

di Dino Manganiello La ripresa degli allenamenti non ha portato sensazioni positive in casa Avellino: Carriero, Ciancio e Maniero mordono ancora il freno e non è affatto sicuro che il terzetto al completo potrà rispondere […]

Top News

Salernitana in rimonta al “Penzo”, Venezia beffato al 95′

26 Ottobre 2021 0
VENEZIA (ITALPRESS) – Lo scontro salvezza del Penzo lo vince la Salernitana che in rimonta beffa il Venezia in uno dei due anticipi della decima giornata di campionato. Apre le danze Aramu nel primo tempo, Bonazzoli fa 1-1 nella ripresa prima del rosso ad Ampadu che lascia i lagunari in 10. A tempo scaduto il […]

[…]

Top News

Quirinale, Di Maio “Stiamo bruciando nomi”

26 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Il gioco al Quirinale ci sta facendo perdere i migliori, stiamo bruciando i nomi. Abbiamo bisogno di una guida solida e non di una crisi politica”. Così il ministro degli Esteri Luigi Di Maio (M5S), ospite di Lilli Gruber a Otto e Mezzo su La7. “Io mi sono dimesso da capo politico […]

[…]

Avellino

Carcere di Avellino, ancora droni con droga

26 Ottobre 2021 0

Droga “a domicilio” nel carcere di Avellino dove stamattina un drone ha depositato l’involucro appeso ad un filo all’altezza della finestra del reparto “aperto”, dove i detenuti stazionano fuori dalle celle con sorveglianza attenuata. Lo […]