Accuse gravissime: rinviato a giudizio il comandante dei Vigili di Avellino

Rinvio a giudizio e prima udienza il 24 gennaio 2018 dinanzi al Tribunale di Nola per Arvonio Michele, nato a Pomigliano d’Arco  il 13/07/1967, rappresentato dall’avv. Vincenzo Laudanno con studio a Nola.

È la decisione adottata dal G.U.P. del Tribunale di Nola a carico dell’Arvonio, attuale Comandante della Polizia Municipale di Avellino.

Arvonio Michele deve rispondere dei reati di abuso di ufficio e tentata concussione.

Gli eventi dettagliatamente riportati negli atti giudiziari, avvennero a Tufino tra febbraio e maggio 2015: all’epoca Arvonio ricopriva “a scavalco” i ruoli di comandante della Polizia Locale di Tufino (Napoli) e della Polizia Municipale di Avellino.

Alla luce del rinvio a giudizio e, quindi, del processo che il Comandante dovrà affrontare per difendersi dalle gravi e pesanti accuse, potrebbero esserci ripercussioni sull’attività attualmente svolta dal dirigente della Polizia Municipale di Avellino. In proposito dovrà esprimersi il Sindaco.

I FATTI

Secondo la richiesta avanzata dal P.M. della Procura di Nola, dott.ssa Luisa D’Innella, l’imputato Arvonio Michele dovrà difendersi dal reato di tentata concussione perché, “in qualità di pubblico ufficiale, essendo all’epoca comandante della Polizia Municipale di Tufino, abusando della sua qualità, compiva atti idonei diretti in modo non equivoco a costringere gli interlocutori a dargli o comunque a promettergli indebitamente l’utilità consistente nel vantaggio elettorale che sarebbe derivato alla lista da Arvonio sostenuta e facente capo al candidato Sindaco Franco Tommaso Esposito.

Per ottenere ciò, come ricostruito dal P.M. nella richiesta di rinvio a giudizio, l’Arvonio avrebbe convocato presso i propri uffici Colantonio Giuseppe pronunciandogli frasi del tipoFranco (il candidato Sindaco n.d.r.) c’è rimasto un poco male…tu lavori a Tufino…vai solo a perdere, tu avrai ripercussioni…magari qualche carta non ce l’hai a posto… ti puoi aspettare che dopo ti fai male?”.

Lo stesso Arvonio, sempre secondo quanto accertato dal P.M., si sarebbe poi recato presso l’abitazione di Falco Bartolomeo avvertendolo che “non avrebbe dovuto candidarsi con la lista facente capo a Carlo Ferone pronunciando la frase “chi non è con me, è contro di me”.

Gli eventi non si concretizzarono per l’opposizione di Giuseppe Colantonio, di anni 52, rappresentato nel processo insieme alla moglie Angela Pasqualina Iovino di anni 49 (pure indicata dal Sostituto Procuratore dr.ssa D’Innella tra le persone offese) dall’avv. Michele Franco, e di Bartolomeo Falco di anni 52, che è assistito dal difensore di fiducia avv. Walter Mancuso con studio a Nola.

I REATI

Solo per tale opposizione non è stato configurato il reato di concussione (punito con la reclusione da sei a dodici anni), ma quello di “tentata concussione” che viene comunque punito severamente poichè, nonostante il reato non sia stato effettivamente commesso, il legislatore parte comunque dal presupposto del tentativo di corruzione dei soggetti in questione. Per questo motivo, le sanzioni saranno ridotte (soltanto a qualche mese di reclusione), ma comunque rese effettive dal giudice competente.

Lo stesso Arvonio Michele nell’aula del Tribunale di Nola, il prossimo 24 gennaio, dovrà rispondere pure del reato di abuso d’ufficio (art. 323 c.p.) poichè, sempre nella qualità di comandante della Polizia Locale del Comune di Tufino, nello svolgimento delle sue funzioni, intenzionalmente procurava un danno ingiusto a Giuseppe Colantonio dopo l’ufficializzazione della candidatura del figlio di costui, Carlo Colantonio, ponendo di iniziativa sotto sequestro l’intera area sita in Via Cimitero di Tufino, utilizzata dal Colantonio come deposito degli automezzi della Euro Asfalti di cui era amministratore, nonostante non ricorresse alcuna situazione d’urgenza.

Tale reato di abuso d’ufficio, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni.

 

Ultimi Articoli

Top News

Il “Dekra Road Safety Award 2021” al Politecnico di Milano

26 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – E’ stato assegnato al Rettore del Politecnico di Milano, Ferruccio Resta, il Premio Internazionale “Dekra Road Safety Award 2021” giunto alla quarta edizione. A ritirare il premio Marco Bocciolone, Direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica. Il riconoscimento, che valorizza le realtà italiane, aziende o figure professionali più attive e brillanti nell’ambito della […]

[…]

Top News

Primi 9 mesi 1,68 mln nuclei beneficiari reddito-pensione cittadinanza

26 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Nel periodo gennaio-settembre 2021, secondo i dati dell’Inps, i nuclei percettori di Reddito di Cittadinanza (RdC) sono stati oltre 1,52 milioni, mentre i percettori di Pensione di Cittadinanza (PdC) sono stati più di 160mila, per un totale di oltre 1,68 milioni di nuclei e quasi 3,8 milioni di persone coinvolte, per un […]

[…]

Top News

Sud, Draghi “I ritardi nella spesa una tassa sul futuro dei giovani”

26 Ottobre 2021 0
BARI (ITALPRESS) – “Le risorse messe a disposizione per il Sud oggi non hanno precedenti nella storia recente. Dobbiamo spendere bene questi soldi, con onestà e rapidità. La responsabilità è del Governo, ma anche dei Comuni e degli altri enti territoriali.I ritardi nella spesa, che per troppo tempo hanno colpito il Mezzogiorno, sono un ostacolo […]

[…]

Top News

Dieta chetogenica, Mech “Italia prima in Europa sulla ricerca”

26 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “La Tisanoreica è considerata da molti ormai la dieta chetogenica mediterranea”. Così Gianluca Mech, fondatore di Tisanoreica, intervistato da Claudio Brachino per la rubrica “Primo Piano” dell’Agenzia Italpress.“Mentre ci contendiamo quella classica mediterranea in almeno sette paesi del bacino mediterraneo – ha aggiunto Mech -, quella chetogenica è solo italiana”.Il fondatore di […]

[…]

Top News

Vaccino, Fedriga “Le Regioni sono pronte per la terza dose”

26 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Le Regioni sono pronte per la terza di vaccino. E’ stato fatto un grande sforzo organizzativo, dalle agende vaccinali agli operatori, fino alle strutture, noi siamo disponibili a organizzare la somministrazione della terza dose di vaccino se la scienza dirà che è utile farla. Dobbiamo seguire le indicazioni ufficiali e scientifiche per […]

[…]