Abusi sessuali su bambino: Rione Ferrovia sotto shock chiede pene esemplari per il “mostro”

Quando la notizia è diventata ufficiale, attraverso un comunicato del Comando Provinciale dei Carabinieri di Avellino, il nome dell’orco era sulla bocca di tutti gli abitanti di Rione Ferrovia.

Inutile omettere le generalità: quel soggetto è stato subito individuato.

Chissà da quanto tempo, nella borgata di Avellino, si attendeva questo epilogo.

Si tratta di un personaggio assai noto, non solo al Rione Ferrovia, dove tutti si conoscono e ognuno sa tantissimo di ciascun abitante.

Infamante l’accusa per questo uomo di 77 anni, padre di due figlie e anche nonno, appartenente a una famiglia numerosa e facoltosa di Avellino, assai nota non solo nel popoloso rione.

LEGGI PURE – Violenze sessuali su un 14enne: arrestato 77enne di Avellino

Ordinanza di custodia cautelare per l’anziano, accusato di cose orrende.

Ora è agli arresti domiciliari.

E la gente si domanda: perchè costui non è chiuso in un carcere?

La risposta è semplice: lì dentro l’anziano avrebbe rischiato sicuramente l’incolumità personale, considerando il tipo di reato di cui si è macchiato.

La legge non scritta dei detenuti condanna azioni del genere e non aspetta certamente la sentenza.

Queste cose i magistrati lo sanno bene: meglio mantenere in buona salute l’indagato in attesa dell’interrogatorio di garanzia al quale il soggetto in questione sarà sottoposto martedì.

Quanto avvenuto nei bagni della stazione ferroviaria di Avellino è minuziosamente descritto nell’informativa fornita dal Procuratore della Repubblica dottor Vincenzo D’Onofrio.

Altri accertamenti in corso per stabilire se nella “rete” dell’arrestato siano finiti, in passato, altri innocenti anche in relazione all’attività svolta dal 77enne, che per anni ha gestito un circolo ricreativo di Rione Ferrovia, molto frequentato da giovani.

Al Rione Ferrovia molti sanno, pochi parlano.

In quella borgata, dove per tanti anni si sono decise fortune politiche, imprenditoriali e sportive, la gente è sotto s hock, nessuno vuole commentare apertamente l’accaduto, è palpabile il timore di parlare.

Un rione che era feudo della Democrazia Cristiana, dove De Mita, Mancino e Gargani contavano galoppini che avrebbero poi ottenuto il posto di lavoro, rigorosamente per chiamata diretta.

Dove il capostazione Adolfo Corbo poteva gestire le sorti dell’Avellino attraverso i tifosi del club, ottenere da “zio Elio” Graziano posti di lavoro all’Isochimica e sventagliate di biglietti omaggio per lo stadio.

La zona di Avellino in cui impettiti “capetti” gestivano consensi di ogni genere, a livello politico e finanziario, sportivo e imprenditoriale, incutendo timore in quanti avevano bisogno di favori per campare, quindi disposti ad osservare un rigoroso silenzio.

Finora è stato così, ma l’azione delle forze dell’ordine, gli esiti di attente indagini e l’intervento della magistratura, potrebbero finalmente dare coraggio e voce a gente che ha saputo sempre tante cose, senza mai raccontarle, per la paura, per evitare conseguenze, sopportando in silenzio ma con tanta rabbia dentro.

Le cose cambiano, come canta Luciano Ligabue…

Ultimi Articoli

Attualità

Scuola: il Tar sospende l’ordinanza di De Luca

10 Gennaio 2022 0

Il Tar ha sospeso l’ordinanza con la quale la Regione Campania ha disposto la didattica a distanza fino al 29 gennaio in tutte le scuole dell’infanzia, elementari e medie del territorio per criticità legate alla […]

Attualità

Corriere dell’Irpini­a: in edicola l’Annuario 2021

7 Gennaio 2022 0

Domenica in edicola l’Annuario 2021 del Corriere dell’Irpini­a. Il racconto dei fatti che hanno segnato l’­anno con il commento di studiosi, giornalisti, scritt­ori, le interviste ai protagonisti del mondo della politica, della cul­tura, della società […]

Attualità

Covid in Irpinia: 151 positivi

7 Gennaio 2022 0

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 961 tamponi effettuati sono risultate positive al Covid 151 persone: – 1, residente nel comune di Altavilla Irpina; – 1, residente nel comune di Aquilonia; – 2, residenti nel comune […]