Veterinari al Laceno: “Partire da qui per dare un impulso alla tipicità dei territori”

Ai lavori del 31° convegno promosso da Izsm e Federazione regionale degli ordini veterinari della Campania, hanno offerto il proprio contributi vari relatori.

“E’ estremamente importante parlare di Prodotti agroalimentari tradizionali e partire da qui per dare un impulso alla tipicità dei territori. La provincia di Avellino e tutta la Campania hanno tanti prodotti unici per qualità e caratteristiche organolettiche e, per questo, è fondamentale avviare un percorso che ci affianchi ai produttori per sostenerli e aiutarli” ha spiegato Vincenzo D’Amato, presidente della Federazione regionale ordini medici veterinari della Campania.

“Riteniamo – ha spiegato Gaetano Oliva, direttore del dipartimento di Medicina veterinaria e produzioni animali della Federico II – che l’università sia un cardine per lo sviluppo di processi di valorizzazione dei prodotti tipici. Chi viene in Italia e in Campania vuole provare i nostri prodotti tradizionali e noi veterinari abbiamo il compito di raccontarli nel modo migliore. Il medico veterinario, infatti, conosce l’intera filiera, dal produttore al prodotto finito, e, pertanto, dobbiamo esserne garanti”.

“La Regione ha individuato Avellino come sede operativa del Cripat proprio per la sensibilità del territorio nei confronti dei prodotti agroalimentari tradizionali, un patrimonio che va salvaguardato” ha spiegato Paolo Sarnelli, responsabile della Uod Prevenzione e sanità pubblica veterinaria della Regione Campania. “Per la valorizzazione dei prodotti tipici campani bisogna certificare i processi produttivi per salvaguardare sia le caratteristiche dei prodotti che la loro salubrità”, ha concluso.

Gli interventi tecnici sono stati affidati a: Giuseppe Campanile, professore del dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali della Federico II nonché componente del Consiglio superiore di sanità che si è soffermato sulle “Nuove frontiere della ricerca nel settore agroalimentare”; Vincenzo Peretti, professore del dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali della Federico II che ha parlato di “Biodiversità animale, prodotti di qualità e promozione”; Nicoletta Murru, professore del dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali della Federico II che ha spiegato quale sia il giusto approccio alla flessibilità e all’igiene nel contesto dei prodotti tradizionali. Vincenzo D’Amato, invece, ha illustrato le attività per i Pat (Prodotti agroalimentari tradizionali) per il 2019.

Sono intervenuti anche Pasquale Buonocore e Antonio D’Amore, Giovanni De Feo, professore associato del dipartimento di Ingegneria industriale dell’Università degli Studi di Salerno; Paolo Boni, presidente del consorzio De Alimentaria Qualitate; Federico Capuano, direttore del dipartimento di Ispezione degli alimenti dell’Izsm e Angelo Citro, delegato Cripat per i Prodotti agroalimentari tradizionali dell’Asl di Salerno.

 

Ultimi Articoli

Top News

Consiglio dei Ministri approva la Manovra di bilancio 2022

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il Consiglio dei ministri ha approvato il “Documento programmatico di bilancio per il 2022”, che illustra le principali linee di intervento che verranno declinate nel disegno di legge di bilancio e gli effetti sui principali indicatori macroeconomici e di finanza pubblica. Il documento, in via di trasmissione alle autorità europee ed al […]

[…]

Top News

Amministrative, Salvini “Non abbastanza bravi a costruire alternativa”

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Nelle grandi città abbiamo perso l’occasione di cambiare, abbiamo sbagliato noi, non siamo stati abbastanza bravi a costruire un’alternativa”. Così il leader della Lega, Matteo Salvini, ai microfoni di ‘Fuori dal Corò su Rete 4, commentando gli esiti delle elezioni amministrative. Poi lancia una stoccata al segretario del Pd Enrico Letta sull’astensionismo: […]

[…]

Top News

Scontri Roma, Salvini “Lamorgese si prenda le sue responsabilità”

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Quel cretino, quel delinquente, non doveva essere in quella piazza. Perchè ce l’avete lasciato? Ministro si prenda le sue responsabilità, se non l’ha capito che stava succedendo è grave, se l’aveva capito era ancora più grave. Se non sapete isolare 20 imbecille non sapete fare il vostro lavoro”. Così il leader della […]

[…]

Top News

Tarantino “Il cinema non è morto, la gente vuole normalità”

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sono cresciuto leggendo libri basati sui film. Ne ho riletti alcuni e ho pensato: perchè non farlo con un mio film?. C’era una volta Hollywood è piaciuto tanto e avevo tanto materiale anche non montato. E’ vero che è una specie di espansione di un mio film ma è anche un romanzo […]

[…]