Stir, braccio di ferro tra Penna e ambientalisti

Torna alta la tensione tra gli ambientalisti della Valle del Sabato e l’assessore all’Ambiente di Avellino, Augusto Penna, sul caso del progetto di ampliamento dello Stir di Pianodardine. “E’ un ammodernamento non un ampliamento. Per delocalizzare la struttura occorrono anni, nel frattempo meglio avere un impianto adeguato” – aveva detto l’altro giorno l’esponente della giunta Foti anche per chiarire le polemiche seguite alla conferenza dei servizi che si è svolta negli uffici della regione Campania a collina Liquorini agli inizi di gennaio. La replica degli ambientalisti della Valle del Sabato non si è fatta attendere. “Si gioca sull’equivoco – dice Franco Mazza – nella relazione tecnica emerge con chiarezza un’idea di ampliamento delle attività che non è affatto compatibile con un sito la cui ubicazione era sbagliata in origine. Oggi con questo progetto si vuol continuare a perseverare nell’errore. Noi ci opporremo con fermezza e determinazione” – ha poi concluso il presidente del comitato Salviamo la Valle del Sabato.

SPOT