Sfratto Avellino Calcio: clamoroso autogol dell’assessore in Festa

Premessa: se l’assessore Stefano Luongo dovesse ottenere il pagamento dei canoni arreati dall’Avellino Calcio entro 5 giorni e, in caso negativo, se dovesse negare lo stadio, per morosità, alla società di calcio, saremmo i primi a sringergli la mano.

Significherebbe avere fatto rispettare la legge, rispolverato la legalità ad Avellino.

Teoria e pratica

Gli arretrati di fitto, per la società del presidente Claudio Mauriello, sarebbero di circa 48.000 euro per le rate del fitto mensile non onorate.

Giusto inviare la diffida ad adempiere, giusto reclamare il pagamento, ci mancherebbe.

Fare venire meno introiti nelle casse comunali, attualmente asfittiche, sarebbe un danno per la collettività.

Tutto giusto, dunque, a livello burocratico.

Rispetto alla teoria, è la pratica che si scontra clamorosamente con il diktat dell’assessore.

Partenio chiuso per morosità

Stefano Luongo è un personaggio che di eventi se ne intende, eccome

Il neo eletto consigliere comunale è stato promotore dell’Avellino Summer Fest, la serie di rassegne estive fortemente voluta dal sindaco Gianluca Festa e dall’assessore agli Eventi.

Adesso Luongo vuole fare la Festa pure all’Avellino Calcio.

Però ha sbagliato clamorosamente tempi, modi e dichiarazioni.

Insomma, ha fatto un clamoroso autogol, per restare in termini calcistici.

Ha detto: “Se l’Avellino non paga il fitto entro cinque giorni, chiudiamo il Partenio”

Il campetto di Valle

L’assessore al patrimonio può fare chiudere, magari, i campetti di calcio “Huber” di Rione Valle, usando il pugno duro nei confronti di un soggetto piccolo piccolo rispetto all’Avellino Calcio.

Fare una sparata del genere, minacciando di sbattere la squadra di calcio fuori dal Partenio, insomma, è come averla fatta davvero fuori dal vaso.

Vero che anche l‘Avellino Calcio, al pari dei gestori dei campetti di Valle, è tra gli affittuari morosi, come gli inquilini delle case popolari, di chi gestisce spazi comunali, dei mercatari e tanti altri.

Però parlare dell’Avellino (male) fa tendenza, di questi tempi.

A chi sbatte fuori?

Fosse davvero così facile ottenere i pagamenti arretrati, oppure sfrattare un qualsiasi soggetto, sai quanti proprietari vedrebbero finalmente onorati i crediti vantati, sai quanta gente rientrerebbe delle proprietà concesse in affitto a cattivi pagatori.

Ci sono leggi che vanno rispettate e queste favoriscono i debitori, ormai è risaputo.

Possibile che non lo sappia un giovane e spigliato assessore che si occupa del patrimonio del Comune capoluogo?

Era il caso di sparare una cavolata del genere? “L’Avellino paghi il canone o si chiude il Partenio”?

Se non paghi, ti caccio

Ma ci faccia il piacere.

Come mai nessuno, tra i predecessori di Luogo, s’è premurato di fare un annuncio del genere:  Cinque giorni, se non paghi, ti caccio via?

Il commissario straordinario appena andato via sapeva che sparate del genere non vanno fatte. Ed ha evitato di proporle.

L’assessore eletto con il sostegno dell’ex onorevole Angelo D’Agostino e legatissimo a Gianluca Festa ha voluto forse vedere aumentata la benevolenza, nei suoi confronti, da parte del suo padrino politico e del sindaco che gli immediatamente affidato un assessorato?

Eccoli (nella foto di copertina) impegnati tutti assieme in una sfida a biliardino, qualcosa di diverso rispetto al calcio vero, quello che va in scena al Partenio.

Chiudere lo stadio, poi, significherebbe ammazzare il debitore, che si vedrebbeprivato dei possibili incassi da destinare, magari, proprio al Comune di Avellino.

I creditori conoscono una regola fondamentale: mai ammazzare il debitore, altrimenti il credito è perso in modo tombale.

A scuola e durante le feste paesane queste cose non le insegnano. Sono esperienze di vita.

La….   mmano ‘e creature”.

Qualcuno sussurra, nelle stesse stanze del Comune, che è stato come avere dato quella cosa bellina e femminile nelle mani di un bambino, il detto che si conclude con “…mano ‘e creature”.

Questa sparata lo dimostra.

E allora vediamo come vanno le cose, quando un soggetto è moroso.

Materialmente ci vorrà tempo per ottenere lo sfratto, mica avviene in 5 giorni.

Il Comune deve redigere atto di citazione con intimazione di sfratto e contestuale emissione di decreto ingiuntivo.

Mille giorni di me e di te…

Ci vorranno tre o quatto mesi per fissare l’udienza e ottenere il decreto di sfratto.

Ci sono i tempi per della giustizia italiana per l’emissione del provvedimento, poi si andrà dall’ufficiale giudiziario, quindi ci sono i termini di grazia.

Il decreto ingiuntivo, invece, può essere immediatamente esecutivo per ottenere quei 48mila euro vantati dal Comune di Avellino ma in questo caso, una volta ottenuto, occorrerà mettersi in fila rispetto ad altri creditori già in possesso di tale provvedimento. Ci saranno pure creditori privilegiati, il “padrone di casa” dello stadio dovrà mettersi in coda.

Tempi previsti rispetto ai cinque giorni indicati da Luongo?

Difficile fare previsioni, sicuramente lo sfratto avverrà quando ci sarà già un nuovo assessore al Patrimonio del Comune di Avellino: cinque anni, altro che cinque giorni.

Mille giorni di me e di te… come canta Baglioni. Tanto per restare in tema di feste, festini e maletiempo.

Ultimi Articoli

TG News

Tg News – 19/10/2021

19 Ottobre 2021 0

In questa edizione: – Ballotaggi: 8 capoluoghi su 10 al centrosinistra – Facebook e il metaverso: 10mila posti di lavoro in Europa – Turismo 2021: cresce solo nella zona mediterranea – Occupazione a ottobre: 505 […]

Top News

Genetica e digitale, le parole chiave per l’agricoltura del futuro

19 Ottobre 2021 0
TORRAZZA COSTE (PAVIA) (ITALPRESS) – Il futuro dell’agricoltura del Paese si gioca sue due fronti: la genetica e l’utilizzo di tecnologie digitali che possano sia innovare il settore, preservando la biodiversità dei prodotti tipici sia renderlo più competitivo, resiliente e sostenibile. E’ quanto emerso in occasione della tappa conclusiva del roadshow Agrievolution, il dibattito itinerante […]

[…]

Top News

Letta “La coalizione larga funziona, ora al lavoro sulla manovra”

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “A Roma Gualtieri ha raddoppiato i suoi voti assoluti rispetto al primo turno, questo vuol dire che il meccanismo della coalizione larga ha funzionato. C’è molto da lavorare sulla Legge di bilancio che in queste ore viene elaborata, affinchè sia le risposte necessarie sulla salute e l’istruzione, perchè la pandemia ci ha […]

[…]

Top News

Mercato immobiliare in crescita, +3,2% nel quarto trimestre 2020

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Nel IV trimestre 2020 sono 245.240 le convenzioni notarili di compravendita e le altre convenzioni relative a immobili. Le compravendite aumentano del 3,2% rispetto al trimestre precedente e del 4,9% su base annua. In concomitanza delle misure adottate per il contenimento del Covid-19, nei primi sei mesi del 2020 si registra un […]

[…]

Top News

Polonia, Morawiecki “Non accettiamo ricatti dall’Ue”

19 Ottobre 2021 0
STRASBURGO (FRANCIA) (ITALPRESS) – “Il diritto dell’Unione non può essere sopra le Costituzioni, non può violarle”. Lo ha detto il primo ministro polacco, Mateusz Morawiecki, nel suo intervento al dibattito in plenaria al Parlamento europeo, a Strasburgo, sullo Stato di diritto.“L’Unione Europea non è uno Stato, lo sono invece i 27 Paesi membri dell’Ue che […]

[…]

Top News

Polonia, Von der Leyen “Non tollereremo rischi per valori comuni Ue”

19 Ottobre 2021 0
STRASBURGO (FRANCIA) (ITALPRESS) – “Per la prima volta in assoluto un tribunale di uno Stato membro rileva l’incompatibilità dei Trattati europei con la Costituzione nazionale. E questo ha gravi conseguenze per il popolo polacco perchè la decisione ha un impatto diretto sulla protezione e l’indipendenza della magistratura”. Lo ha detto la presidente della Commissione europea, […]

[…]