Quota 100 in Irpinia, uffici presi d’assalto: “Pronta la circolare con i chiarimenti”

In questi giorni sono moltissimi i cittadini che si stanno rivolgendo ai vari patronati di Avellino e provincia per capire se possono andare in pensione con il nuovo meccanismo

Uffici dei Patronati presi d’assalto, telefonate e visite dirette per sapere come funziona l’ormai famosa “quota 100”.

Gente che si rivolge all’Inps facendo lunghe attese agli sportelli per sentirsi poi dire: “Non sappiamo cosa dire, aspettiamo chiarimenti”.

La stessa risposta che forniscono i dipendenti dei vari patronati: “In settimana riceveremo una circolare dalla direzione generale e potremo essere finalmente precisi nelle risposte”, dicono al Patronato Acli.

COME FUNZIONA

La Quota 100 per le pensioni verrà avviata in via sperimentale tra il 2019 e il 2021 e spetteranno agli iscritti alle seguenti gestioni previdenziali obbligatorie gestite dall’Inps:

assicurazione generale obbligatoria (Ago) (Fondo pensione lavoratori dipendenti e gestioni separate dei lavoratori autonomi) e gestione separata;

forme esclusive dell’assicurazione generale obbligatoria (ex Inpdap, ex Ipost, ex Ferrovie);

forme sostitutive dell’assicurazione generale obbligatoria (ex Enpals, ex fondi speciali Inps).

REQUISITI

Per andare in pensione anticipata con quota 100 è necessario avere

3

– almeno 62 anni di età (successivamente l’età richiesta verrà adeguata in base all’aspettativa di vita

– un’anzianità contributiva pari ad almeno 38 anni.

Se si è iscritti a più gestioni previdenziali e non si riceve la pensione da una di queste, il requisito di anzianità contributiva richiesto per quota 100 può essere raggiunto anche attraverso il cumulo gratuito, sommando cioè i contributi maturati nelle varie gestioni.

DA QUANDO

Le decorrenze delle pensioni quota 100 cambia se il lavoratore ha maturato i requisiti prima o dopo il 31 dicembre 2018 e in base al settore privato o pubblico:

– entro il 31 dicembre 2018 si va dal 1° aprile per i privati e 1° luglio per i pubblici

– dopo il 31 dicembre 2018, dopo 3 mesi o 6 mesi dalla maturazione dei requisiti.

Le pensioni quota 100 non sono compatibili con redditi da lavoro dipendente o autonomo, dal primo giorno di decorrenza e fino al raggiungimento dell’età richiesta per la pensione di vecchiaia.

Sono invece compatibili con i redditi da lavoro autonomo occasionale, per un massimo di 5.000 euro lordi annui.

Dal 2019, sulla pensione anticipata non viene più applicato l’adeguamento alla speranza di vita e viene introdotta una decorrenza mobile di 3 mesi.

 

Ultimi Articoli

Top News

Coronavirus, in Italia 36.176 nuovi casi e 653 morti

19 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Ancora in aumento, anche se di poco, i nuovi casi di coronavirus in Italia. Sono infatti 36.176 nelle ultime 24 ore (ieri erano stati 34.283) e ciò a fronte di un incremento dei tamponi effettuati, più di 250 mila. Calano i decessi: i morti nelle ultime 24 ore sono 653 (eri erano […]

[…]

Top News

Nei primi 8 mesi del 2020 pesante effetto Covid sulle assunzioni

19 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Le assunzioni attivate dai datori di lavoro privati nei primi otto mesi del 2020 sono state 3.305.000. Rispetto allo stesso periodo del 2019 la contrazione risulta molto forte (-35%) per effetto dell’emergenza legata alla pandemia Covid-19 con le conseguenti restrizioni a partire da marzo (chiusura delle attività non essenziali, limitazioni della mobilità […]

[…]