«Questa città è morta»: la rabbia dei commercianti, l’assenza delle associazioni

Una manifestazione spontanea, genuina, fatta con il cuore e con tanta rabbia. Protagonisti singoli commercianti e cittadini stanchi di subìre le decisioni prese dall’alto e non sempre oculate.

Riunione dinanzi agli uffici del Comune di Avellino, occasione di incontro, riflessione e confronto tra quanti vivono una situazione difficile e non sanno più a che santo votarsi.

Le associazioni, quelle rappresentative di categoria e sindacali, ed anche quelle dei comsumatori, si sono mantenute alla larga dall’incontro.

Eppure i problemi posti all’attenzione della pubblica opinione da parte di centinaia di esercenti e cittadini indignati sono gli stessi contenuti in quei comunicati diffusi a più non posso dalle varie associazioni, documenti sottoscritti da personaggi che non si sono visti alla manifestazione.

Armiamoci e andate, insomma.

Le problematiche sono note: difficoltà di circolazione per gli utenti che non possono così raggiungere i negozi e quando riescono a farlo devono pagare costi per i parcheggi che nemmeno nelle città turistiche si registrano. E poi l’assenza di iniziative che possano favorire il commercio e non solo quello.

Tante frasi intrise di amarezza e rabbia pronunciate dai partecipanti alla manifestazione.

Il tutto sintetizzato con una frase pronunciata da un commerciante storico di Avellino: «Questa città è ormai morta, è il risultato degli anni di pessima amministrazione, con gli avellinesi che hanno accettato passivamente tutto, in assenza di  programmazione, senza mai scuotersi nè criticare attivamente, lasciando fare a soggetti spesso incapaci, senza contestare, guardando ciascuno al proprio orticello».

Il risultato è ora una città vuota, il centro di Avellino è ormai deserto, chiudono le attività commerciali, i clienti preferiscono recarsi nei comuni limitrofi per fare spese di ogni genere.

Non c’erano i rappresentanti delle associazioni, qualcuno passivamente ha fato sapere che c’è poco da fare rispetto a decisioni assunte dall’amministrazione comunale.

Un segnale di resa inammissibile perchè i rappresentanti di associazioni di vario genere, impegnati a pubblicizzarsi e parlarsi addosso senza concludere qualcosa di positivo, sanno benissimo che le decisioni assunte dal Comune di Avellino sono in gran parte rivedibili e modificabili, se non addirittura annullabili attaverso ricorsi al Tar.

In effetti emerge scarsa capacità di sostenere le ragioni dei propri associati i quali, si domandano adesso: a cosa servono queste associazioni se non riescono a fare valere le istanze di quanti ne fanno parte?

E’ proprio vero, Avellino è una città morta e distrutta, rassegnata e sottomessa, incapace di reagire e combattere. Passeggiare sulle macerie è un piacere per politici e amministratori.

Tra 40 giorni li vederemo di nuovo all’opera, nel palazzo comunale, eletti anche attraverso i voti di quanti adesso si lamentano e si piangono addosso.

 

 

Ultimi Articoli

Top News

Incremento acquisito Pil 2021 al 4,7%

11 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – La revisione dei conti nazionali annuali ha confermato che, in base ai dati dei primi due trimestri, l’incremento acquisito del Pil italiano per il 2021 è pari al 4,7%. E’ quanto sottolinea l’Istat nella Nota mensile sull’andamento dell’economia italiana. Il Pil in volume è risultato in calo dell’8,9% nel 2020 mentre i […]

[…]

Top News

Banche, ad agosto prestiti +1,8% su base annua

11 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Ad agosto i prestiti al settore privato, corretti per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, sono cresciuti dell’1,8 per cento sui dodici mesi (2,1 nel mese precedente). I prestiti alle famiglie sono aumentati del 3,7 per cento sui dodici mesi (3,8 nel mese precedente) […]

[…]

Top News

Pmi, il digitale per risolvere il problema della carenza di liquidità

11 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – Secondo le stime dell’Osservatorio Supply Chain Finance della School of Management del Politecnico di Milano il mercato potenziale del credito di filiera in Italia ammonta ad una cifra tra i 450 e i 490 miliardi di euro, di cui soltanto circa 25% è già servito. Il potenziale di sviluppo è dunque molto […]

[…]

Top News

Anno della Frutta e Verdura, torna “Il Piantastorie” di Bayer in podcast

11 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – In omaggio all’Anno Internazionale della Frutta e della Verdura (AIFV) promosso dalla FAO, Bayer Italia prosegue nel suo racconto per promuovere buone pratiche agricole e uno stile di vita sano. Lanciato nel 2020 in occasione dell’Anno Internazionale della Salute delle Piante, la nuova edizione de Il Piantastorie in versione podcast vuole accompagnare […]

[…]

Top News

Ad agosto produzione industriale in lieve calo

11 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Ad agosto 2021 l’Istat stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale diminuisca dello 0,2% rispetto a luglio. Nella media del trimestre giugno-agosto il livello della produzione cresce dell’1,1% rispetto ai tre mesi precedenti. L’indice destagionalizzato mensile cresce su base congiunturale per i beni strumentali (+0,8%), mentre diminuisce per l’energia (-2,1%), i beni […]

[…]

Top News

Green Pass, Orlando “Protesta usata per salto di qualità eversivo”

11 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Bisogna partire dal fatto che ci sono contemporaneamente due fenomeni. Da un lato c’è il movimento reale, dove paure, teorie complottistiche e malessere sociale si mischiano e come sempre si confondono, caratterizzato da una certa spontaneità e dai meccanismi tipici della mobilitazione attraverso i social. Dall’altro, c’è una parte che tenta di […]

[…]