Parte la campagna vaccinazione dell’Asl Avellino: ma è quella pubblicitaria

Pubblicizzano qualcosa che non hanno.

Dovevano fare una corretta e concreta campagna-vaccinazioni invece hanno fatto una campagna pubblicitaria.

Una idea peraltro tardiva perchè l’epidemia influenzale è ormai iniziata e la campagna andava fatta perlomeno due mesi fa, non adesso.

Vaccinatevi, cittadini, vaccinatevi.

Ma come vaccinarsi se mancano i vaccini?

Non è una casa farmaceutica a pubblicizzare un prodotto da vendere. E’ l’Asl di Avellino che invita la gente a vaccinarsi ma non fornisce i vaccini ai medici di base nè possiede scorte per il suo ambulatorio e provvedere direttamente a soddisfare ler eisgenze degli utenti.

Sembra davvero una presa in giro la campagna pubblicitaria attuata dal’Asl di Avellino per sensibilizzare la cittadinanza a sottoporsi alla vaccinazione antinfluenzale.

Chissà chi quale genio ha pensato a questa dispendiosa campagna pubblicitaria i cui costi non produrranno benefici.

Soldi pubbici spesi male, anzi buttati via. Perchè questo invito a vaccinarsi provocherà ulteriore danno per i medici di famiglia dove giungeranno ancora altre persone intenzionate a sottoporsi alla vaccinazione. Altri si riecheranno, magari, presso la struttura dell’Asl e pure lì non troveranno vaccini disponibili.

E allora perchè fare la pubblicità di un prodotto che non potete poi fornire?

La delibera indica il finanziamento a carico dell’Asl per la produzione e messa in onda di un spot della durata di 30 secondi che sarà trasmesso almeno 3 volte giorno per 30 giorni da sette emettenti televisive locali per un spesa di circa 2mila euro.

3

Magari quei soldi potevano essere utilizzati in mododiverso, magari acquistando i vaccini e mettendoli a disposizioni dei medici di famiglia, subissati da richieste anche quando la campagna pubblicitaria non era stata pensata dal genio che ha deciso di attuarla.

Una “campagna informativa al fine di amplificare la risonanza mediatica della campagna vaccinale dando impulso alle attività di tutela e promozione della salute” di cui non c’era bisogno, visto che i migliori promotori sono state i medici di famiglia. Perchè non destinare loro quel finanziamento?

 

Ultimi Articoli

Top News

Show a San Siro, l’Inter batte la Fiorentina 4-3

26 Settembre 2020 0
MILANO (ITALPRESS) – Subito pazza Inter alla prima di campionato. I nerazzurri completano un’incredibile rimonta contro la Fiorentina nel finale di secondo tempo dopo gli ingressi di Vidal e Hakimi. Lukaku pareggia su assist del marocchino, poi D’Ambrosio fissa lo score sul 4-3. Rimpianti evidenti per la squadra di Iachini che incanta con Ribery, Castrovilli […]

[…]

Top News

Il Benevento passa a Marassi: Samp ribaltata da 0-2 a 3-2

26 Settembre 2020 0
GENOVA (ITALPRESS) – Gol, divertimento e soprattutto tante emozioni nel match vinto dal neopromosso Benevento in rimonta per 3-2 sulla Sampdoria. I sanniti, inizialmente sotto per 2-0, conquistano al “Ferraris” i primi tre punti in classifica mentre i blucerchiati incassano un’altra sconfitta dopo il ko per 3-0 contro la Juventus alla prima. All’8′ immediato il […]

[…]

Top News

La Lazio vince 2-0 a Cagliari, in gol Lazzari e Immobile

26 Settembre 2020 0
CAGLIARI (ITALPRESS) – Buona la prima per la Lazio, che apre il suo campionato battendo il Cagliari 2-0 alla Sardegna Arena. I biancocelesti, all’esordio in Serie A (la prima giornata rinviata con l’Atalanta verrà recuperata mercoledì all’Olimpico) aprono le danze con la rete di Lazzari in avvio poi chiudono i conti con il raddoppio del […]

[…]

Top News

Conte “Quota 100 non sarà rinnovata”

26 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Quota 100 è stato un progetto di riforma triennale per supplire a un disagio sociale che si era creato. Non è all’ordine del giorno il rinnovo di Quota 100”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in collegamento da Palazzo Chigi, nel corso del dibattito “L’Italia e l”Europa” al Festival […]

[…]

Top News

Coronavirus, 1.869 i nuovi casi, Campania prima regione

26 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Sono 1.869 i nuovi casi di Coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore, e 17 i decessi che portano il totale delle vittime a 35.818. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 104.387 tamponi, per un totale di 10.999.350 da inizio emergenza. E’ quanto si legge nel bollettino del Ministero della […]

[…]