Nuovo terminal bus ad Avellino: incubo traffico e allarme inquinamento

Un traffico impossibile, interminabili file di auto lungo il percorso seguito dagli autobus di linea, dal terminal – trasferito da domenica scorsa nella zona stadio – fino a Piazza Kennedy e quindi per uscire dalla città.

Ripercussioni in ogni angolo del capoluogo dove, nella settimana che sta per concludersi, è apparso impossibile circolare in automobile senza dovere affrontare code lunghissime e stress.

Soprattutto il rischio inquinamento che è diventato reale, con tre sforamenti dei dati raccolti dalle centraline che rilevano la presenza di polveri fini nell’area, meglio nome come Pm10.

Esperimenti fallito

L’esperimento è fallito, lo dicono i fatti. Sarà bene trovare una soluzione seria e adeguata per evitare di bloccare una città con il traffico e poi interrompere la circolazione in caso di stop dovuto all’inquinamento.

Fortunatamentele scuole resteranno chiuse fino all’inizio di gennaio e quindi il transito di autobus di linea risulterà ridotto.

Proprio in questi giorni occorrerò studiare seriamente il da farsi, senza ripicche e capricci da bambini che comportano solo disordine e disorientamento per la cittadinanza.

Il terminal bus nella zona stadio non va bene, è evidente.

Inutile spendere soldi per sistemare spogliatoi, biglietteria ed altro. Quelle risorse economiche utilizzatele per realizzare qualche pensilina per gli utenti e migliorare il servizio.

Autostazione, perchè no?

Occorre trovare subito una soluzione concreta: l’attuale autostazione andrebbe benissimo per lo scopo perchè si trova in un punto centrale della città, con diversi esercizi commerciali in zona, facilità di raggiungere scuole e uffici.

E allora quali interessi da salvaguardare? C’è qualcuno che non vuole traffico di persone e mezzi nella zona di residenza?

Spiegatelo a chi va alla ricerca di bus, in qualità di utenti, e a chi smanonna mentre guida, in qualità di automobilisti in una città al 94° posto in Italia per qualità di vita con il traffico da terzo mondo.

Si rivolva questo problema con immediatezza, sono questi i problemi che la gente affronta tutti i giorni e che se ne frega del traforo di Montevergine: abbiamo già il tunnel di Avellino, figurarsi che risate nel pensare al giorno dell’inaugurazione del traforo di cui tanto parla Biancardi.

Ultimi Articoli

Top News

Consiglio dei Ministri approva la Manovra di bilancio 2022

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il Consiglio dei ministri ha approvato il “Documento programmatico di bilancio per il 2022”, che illustra le principali linee di intervento che verranno declinate nel disegno di legge di bilancio e gli effetti sui principali indicatori macroeconomici e di finanza pubblica. Il documento, in via di trasmissione alle autorità europee ed al […]

[…]

Top News

Amministrative, Salvini “Non abbastanza bravi a costruire alternativa”

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Nelle grandi città abbiamo perso l’occasione di cambiare, abbiamo sbagliato noi, non siamo stati abbastanza bravi a costruire un’alternativa”. Così il leader della Lega, Matteo Salvini, ai microfoni di ‘Fuori dal Corò su Rete 4, commentando gli esiti delle elezioni amministrative. Poi lancia una stoccata al segretario del Pd Enrico Letta sull’astensionismo: […]

[…]

Top News

Scontri Roma, Salvini “Lamorgese si prenda le sue responsabilità”

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Quel cretino, quel delinquente, non doveva essere in quella piazza. Perchè ce l’avete lasciato? Ministro si prenda le sue responsabilità, se non l’ha capito che stava succedendo è grave, se l’aveva capito era ancora più grave. Se non sapete isolare 20 imbecille non sapete fare il vostro lavoro”. Così il leader della […]

[…]

Top News

Tarantino “Il cinema non è morto, la gente vuole normalità”

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sono cresciuto leggendo libri basati sui film. Ne ho riletti alcuni e ho pensato: perchè non farlo con un mio film?. C’era una volta Hollywood è piaciuto tanto e avevo tanto materiale anche non montato. E’ vero che è una specie di espansione di un mio film ma è anche un romanzo […]

[…]