Novolegno, da domani azienda chiusa e apertura della vertenza sindacale

Da domani, lunedì 25 febbraio, non si vedrà più quel fumo o vapore fuoriuscire dalla ciminiera della Novolegno, a Pianodardine. (CLICCA QUI E LEGGI)

Esultano gli ambientalisti, un pò meno le famiglie dei 117 lavoratori per i quali inizia adesso il consueto iter pieno di promesse e speranze.

C’è lavoro, adesso, per sindacalisti e politici.

Tutti interverranno per epsrimere giudizi, pareri, lanciare accuse e controaccuse, dare impulso a iniziative più o meno farlocche, alimentare promesse spesso disattese.

Chiedere informazioni alle ex maestranze della I.I.A. di Flumeri per capire come vanno le cose, in questi casi. Per quei lavoratori il calviario è iniziato nel 2011, mica ieri mattina, e non c’è stata ancora una soluzione concreta.

Tra tre mesi ci sono le elezioni europee, occasione buona per accaparrarsi consensi attraverso promesse elettorali.

I lavoratori irpini ormai hanno fatto esperienza, in questo senso, non si lasceranno abbindolare dagli annunci di organizzazione dei “tavoli”, per loro l’unico tavolo è quello da apparecchiare tutti i giorni per mettere il piatto dinanzi ai componenti della famiglia.

La posta elettronica delle redazioni giornalistiche comincia a intasarsi con l’arrivo di mail provenienti da assiciazioni e sindacati, da politici e amministratori.

Evitiamo di pubblicarle.

Se i sindacati vogliono fare conoscere le varie iniziative, lo facciano direttamente mettendo al corrente i lavoratori. La gente comune, dispiaciuta senz’altro per questa nuova vertenza, non sa cosa farsene di chiacchiere inutili.

Si provveda a concretizzare fatti, soprattutto da parte dei politici.

In Irpinia ce ne sono in abbondanza ma è difficile rintracciare qualche loro iniziativa concreta.

Dallo scorso marzo, un anno fa, coloro che sono stati eletti nei vari schieramenti politici con i voti degli irpini, hanno fatto davvero poco.

Vedremo in questa circostanza cosa saranno capaci di fare e saremo felici, in quel caso, di dare spazio e pubblicità a qualcosa di vero.

Ora inizieranno i viaggi a Roma, i pullman messi a disposizione dalle organizzazioni sindacale, le bandiere messe in mano ai lavoratori, i fischietti per fare rumore sotto i palazzi del potere della Capitale.

Un film già visto.

Tra i 117 dipendenti della ormai ex Novolegno ci sono professionalità di alto profilo, lavoratori in gamba.

Bene faranno a cominciare a trovare una alternativa lavorativa, altrimenti dovranno continuare a vivere uno stillicidio che deprime a livello morale e materiale. Trovando uno sbocco lavorativo consentiranno pure a sindacati, associazioni e politici di fare brutte figure.

Insomma, in quel modo saranno i lavoratori a “sollevare” sindacati, associazioni e politici da gravosi impegni che non sempre è possibile assolvere.

 

Ultimi Articoli

Calcio Avellino

Avellino Bari : i lupi evitano nel finale la sconfitta

6 Dicembre 2021 0

Finisce in parità il monday night della diciassettesima giornata di serie C tra Avellino e Bari 1-1. In vantaggio la capolista con Antenucci al 33′ su rigore , pareggio al 83′ di Kanoutè per i lupi. IL TABELLINOMarcatori: rig. Antenucci 33′, Kanouté […]

Attualità

Covid in Irpinia: 14 casi

6 Dicembre 2021 0

L’Azienda Sanitaria Locale comunica che, su 168 tamponi effettuati, sono risultate positive al Covid 14 persone: – 1, residente nel comune di Ariano Irpino; – 1, residente nel comune di Atripalda; – 1, residente nel […]

Baiano

In possesso di cocaina e hashish, denunciato 30enne

6 Dicembre 2021 0

Continua incessante l’opera di prevenzione e repressione in ordine al contrasto di attività illecite legate al fenomeno dell’uso e spaccio di sostanze stupefacenti. In tale contesto, un’altra attività è stata condotta dai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile […]

Politica

Il sindaco e la sindrome De Luca

6 Dicembre 2021 0

Bisogna ammettere che il sindaco di Avellino ha ragione quando denuncia un eccesso di critica sull’operato della sua amministrazione. Dovrebbe essere evidente che i problemi della città sono tali e tanti che nessuno può ancora […]