No al bavaglio sul Covid, la protesta dell’Ordine dei Giornalisti: bravo De Luca

“No al bavaglio sul Covid. Il provvedimento della Regione che impedisce a medici e dirigenti della sanità pubblica di parlare con la stampa è inaccettabile così come la decisione di allontanare il TGR Campania e altre testate dall’area da mesi riservata nei pressi dell’ospedale Cotugno. Medici, infermieri, giornalisti hanno un ruolo fondamentale soprattutto in questa fase e l’informazione, con centinaia di giornalisti impegnati da mesi in strada, non può essere emarginata. Invitiamo, dunque, il rieletto presidente della Regione Vincenzo De Luca a ritirare questo atto ingiustificato e ingiustificabile“, così il presidente regionale dell’Ordine dei Giornalisti, Ottavio Lucarelli.

La direzione, la redazione e la società editrice di Irpiniaoggi, invece, plaudono all’iniziativa del presidente della Regione Campania, perchè in questo modo De Luca solleva gli operatori dell’informazione dall’affannoso lavoro di correre dietro medici e dirigenti sanitari per registrare dichiarazioni prevalentemente scontate e talvolta pure farlocche.

Grazie presidente De Luca: questo quotidiano continuerà a fornire informazioni circa la situazione sanitaria in Campania, in modo scrupoloso e dettagliato.

Sapremo comunque reperire informazioni utili per i nostri lettori, magari non sempre piacevoli per gli operatori della sanità campana.

In caso di necessità, ovvero per eventuali repliche e puntualizzazioni, per rendere pubbliche dichiarazioni da parte di sanitari, fornire avvisi alla popolazione, pubblicare i comunicati delle aziende ospedaliere ed altro, ci si potrà rivolgere all’ufficio pubblicità di Irpiniaoggi commissionando“articoli pubbliredazionali” oppure banner pubblicitari attraverso cui magnificare la gestione della sanità in Campania.

Il tutto, ovviamente, a pagamento.

Per la serie: avreste dovuto pagare o perlomeno dire grazie ai giornalisti per l’attenta e scrupolosa attività svolta in favore della popolazione e della stessa sanità campana, in questo difficile periodo di emergenza Covid-19.

Governatore, politici, dirigenti sanitari e affini: eravate stati abituati troppo bene.

Vogliamo parlare di sanità? Cominciamo così, con la punta dell’iceberg.

LEGGI QUI – Medico del Moscati indagato per peculato: ecco cosa è accaduto

Ultimi Articoli

Top News

Doppietta Zapata e rimonta Atalanta, da 0-2 a 2-2 con l’Ajax

27 Ottobre 2020 0
BERGAMO (ITALPRESS) – L’esordio in Champions League del Gewiss Stadium non delude le aspettative. L’Atalanta contro l’Ajax va sotto 2-0 e trova la forza di rimontare fino ad un 2-2 che permette ai bergamaschi di portarsi a quattro punti nel girone e di acquistare un’iniezione di fiducia dopo il brutto ko casalingo contro la Sampdoria […]

[…]

Top News

Meno decessi per Covid ma la curva sale, 7 regioni in “codice rosso”

27 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Decessi per Covid-19 ridotti in questo inizio di seconda ondata rispetto alla prima, il numero di decessi tra febbraio e marzo aumentava giornalmente del 4,6%, mentre tra settembre e ottobre l’incremento è sceso sensibilmente, attestandosi allo 0,13%. Tuttavia, la curva dei contagi ha assunto di nuovo un andamento esponenziale, la preoccupazione maggiore […]

[…]

Top News

Champions, pareggio senza reti in Ucraina per l’Inter

27 Ottobre 2020 0
KIEV (UCRAINA) (ITALPRESS) – L’Inter strappa un timido 0-0 in casa dello Shakhtar Donetsk. I nerazzurri creano, costruiscono ma non la buttano mai dentro: secondo pareggio consecutivo dopo quello contro il ‘Gladbach e cammino europeo che si complica in un girone B che è stato stravolto la scorsa settimana dal successo degli ucraini sul Real […]

[…]

Top News

Coronavirus, Lamorgese “Frange estremiste strumentalizzano protesta”

27 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Deve essere sempre garantito il diritto a manifestare perchè siamo in uno Stato democratico, ma in questo momento frange estremiste stanno strumentalizzando questo periodo della pendemia. Voglio cogliere l’occasione per lanciare un messaggio a chi vuole manifestare contro le misyure del governo, che sono per la tutela della salute pubblica, di prendere […]

[…]

Top News

Dl ristori, Conte “Indennizzi sul conto corrente a metà novembre”

27 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “I contributi a fondo perduto arriveranno direttamente sul conto corrente con bonifico delle Agenzie dell’entrate. Arriveranno in automatico a metà novembre a chi aveva già aderito alla prima edizione del contributo. Un piccolo bar potrà avere fino 13 mila , un grande ristorante potrà ottenere fino a 26 mila euro”. A dirlo […]

[…]