Mercogliano, tolleranza zero: “Fuori la camorra dalla nostra città”

Adesso basta: quanto sopportato e tollerato finora a Mercogliano ha superato ogni limite.

E allora il sindaco Vittorio D’Alessio lancia il suo grido di allarme e mette in guardia chi non ha finora rispettato norme e regolamenti e, probabilmente, pure quanti hanno chiuso un occhio e forse anche due.

Ecco la dichiarazione fornita dal Sindaco di Mercogliano:

Un sindaco che si rispetti e che rispetti la propria comunità dice senza se e senza ma “fuori la camorra dalla nostra città”.

Io l’ho detto, lo ribadisco e lo dirò fino a quando avrò vita, senza aspettare che nessuno debba sollecitare una presa di posizione che è nella essenza della mia persona, che ispira ogni mio provvedimento e che, d’altronde, è testimoniata non solo con le parole, ma con l’impegno concreto di una vita.

Un sindaco che si rispetti non può e non deve tollerare che le strade della propria città diventino teatro di risse e di ubriachezza molesta. Io non ho intenzione di tollerarlo e il colore della pelle o la provenienza di chi si rende protagonista di tutto questo sono del tutto irrilevanti per me e per la Amministrazione che rappresento.

Gli immigrati che sono in regola con la legge sono ben accetti a Mercogliano. Gli sprar e i centri di accoglienza hanno il nostro sostegno e tra questi anche la “Comunità Accogliente”, alla quale, non a caso, abbiamo assegnato dei locali comunali affinché operino più agevolmente e mostrino a chi scappa da guerre e carestia il volto migliore di una Mercogliano che apre le porte a chi è in difficoltà.

Nessuno, tuttavia, potrà distogliere la nostra Amministrazione dal dovere di garantire anche la sicurezza delle nostre strade e delle nostre piazze, e la serenità di tutti i mercoglianesi. Compresi quelli che risiedono nella ‘Comunità Accogliente’, che proprio perché provengono da situazioni di sofferenza, meritano di vivere in una città non solo solidale, ma anche civile, pacifica e sicura”. 

Ultimi Articoli