Una marea nera invade il Solofrana da dove arriva non si sa !

Una marea di acqua nera e schiumosa ieri pomeriggio si è riversata dal depuratore di Mercato San Severino, in provincia di Salerno, nel letto del torrente. Da quella condotta dovrebbe venire fuori acqua depurata. E quella melma nera, schiumosa e maleodorante di certo non lo era. Quando Michele Buscè, un giovane ambientalista salernitano, ha bussato al citofono dell’impianto per segnalare quanto stava accadendo la risposta che un non meglio precisato operaio ha saputo fornire è stata: “Maestro è roba di Solofra, non è roba nostra !”

L’impianto di depurazione di Solofra, però, almeno stando a quanto fanno sapere dalla struttura di via Carpisano, nella giornata di ieri ha funzionato normalmente. Insomma nulla che possa in qualche modo giustificare quella marea di acqua nera che è venuta fuori dal depuratore di Mercato San Severino.

I due impianti, quello di Solofra e quello della cittadina irnina, sono gestiti dalla società Cogei per conto della Regione Campania. I due depuratori insieme compongono il complesso depurativo Alto Sarno. 

I gruppi e le associazioni ambientaliste del comprensorio del Sarno che ci sia qualcosa che non va nel sistema di depurazione lo sostengono da parecchio tempo. Dopo quanto accaduto ieri, vogliono però vederci chiaro su quanto e stanno organizzando una mobilitazione per chiedere alla Regione Campania, proprietaria degli impianti di depurazione, un impegno serio a garanzia del territorio e dei cittadini. 

Ultimi Articoli

Avellino

I Bastardi di Pizzofalcone: De Giovanni presenta il nuovo libro al Circolo del Nuoto

28 Gennaio 2020 0

Scrittore, sceneggiatore, drammaturgo. Tra i più amati della sua generazione. Attraverso gli occhi del Commissario Ricciardi ha portato Napoli nel cuore della narrativa noir in Italia e all’estero. Con la saga di Pizzofalcone ha ispirato una serie tv per la Rai che ha inchiodato allo schermo milioni di […]