La farsa € 86 per i lavoratori della P.A: la triplice prepara un’altra svendita di contratto

La  farsa degli 86 euro per i lavoratori della P.A: la triplice prepara un’altra svendita di  contratto
E’ quanto sostiene Pino Freda, il Coordinatore Provinciale della Federazione Sindacati Indipendenti, attraverso un duro comunicato in cui si legge:
“Cgil, Cisl e Uil hanno incontrato il ministro della Funzione pubblica, Fabiana Dadone e il titolare  dell’Economia, Roberto Gualtieri, per intavolare un accordo politico sul rinnovo dei contratti ed  hanno deciso di predisporre un «memorandum» d’intesa nel quale trovare un accordo preventivo  sulla parte finanziaria e su alcuni punti normativi del nuovo contratto. 
 Ci fanno sapere anche che la somma triennale per gli aumenti nel pubblico impiego sarebbe stata portata a 3,375 miliardi di euro e che, secondo le stime del governo, si parlerebbe di un aumento lordo per le buste paga del 3,50% (cioè circa 86 euro lordi medi). Ma in realtà non sarebbe così perché dentro tale cifra ci sono anche i soldi vincolati per adeguamento delle carriere dei comparti «non contrattualizzati» cioè quelli delle Forze di Polizia.  
 Il rinnovo delle carriere delle Forze di Polizia vale circa 220 milioni di euro, quindi il medesimo incremento ottenuto dal governo Renzi per il triennio 2016-2018 con il patto (alla vigilia del referendum) del 30.11.2016. 
Insomma, per la revisione delle carriere del personale della pubblica amministrazione e della  sanità non ci sono i soldi ma per quello delle Forze di Polizia e dei Vigili del Fuoco invece sì (nulla  contro di loro, ci mancherebbe altro!). Per aumenti contrattuali decenti per il personale dei  comparti della Pubblica Amministrazione e della Sanità i soldi non ci sono stati ma per rinnovare  quello della dirigenza invece si sono trovati.   
 Ma, in compenso, la triplice prepara un memorandum che sarà un’altra svendita del contratto dei lavoratori della pubblica amministrazione e della sanità; come quella che si è già perpetrata  appunto la notte del 30.11.2016 quando firmò l’intesa con la ministra Madia per bloccare gli  aumenti a 85 euro medi “miseri” per tutti i lavoratori delle P.A. tranne che per la dirigenza che  fregandosene ha tranquillamente veleggiato su rinnovi diversi e migliori.  
 Sulla questione il Coordinatore Provinciale di Avellino della FSI-USAE, Pino Freda, aggiunge: “I professionisti della sanità e degli altri comparti sono stanchi di rimanere inchiodati al palo.  
 Vogliono che nel nuovo contratto si recepiscano gli sforzi profusi e ci siano aumenti adeguati, che coprano per intero il gap stipendiale che si è creato rispetto al 2009; vogliono anche un  sistema di classificazione che offra possibilità di carriera basata su criteri predeterminati e certi e  sia stabile nel proprio curriculum professionale. Gli 87 euro annunciati sono un’altra svendita e  non bastano nemmeno a recuperare una piccola parte del gap stipendiale che si è determinato  dal 2009 ad oggi. La FSI-USAE Nazionale sulla questione ha annunciato iniziative clamorose.  

Ultimi Articoli

Top News

Vaccino, Zaia “Stop Astrazeneca sotto 60 anni”

8 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Ho detto ai direttori che nel nuovo piano di sanità pubblica si blocchi la vaccinazione con AstraZeneca sotto i 60 anni, perchè questa opzione facoltativa che viene data a me non va bene. Ci deve essere una determinazione da parte della comunità scientifica che deve essere chiara. Raccomandare o peggio ancora come […]

[…]

Top News

La Roma vince in rimonta in Olanda, 2-1 all’Ajax

8 Aprile 2021 0
AMSTERDAM (OLANDA) (ITALPRESS) – La Roma va sotto, rischia il tracollo, ma resiste e la ribalta nel finale. Alla Johan Crujiff Arena di Amsterdam, i capitolini si aggiudicano per 2-1 il primo atto dei quarti di finale di Europa League contro l’Ajax tra errori grossolani e protagonisti inaspettati. La squadra di Fonseca, ridotta ai minimi […]

[…]

Top News

Max Gazzè torna con l’album “La matematica dei rami”

8 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sono stufo per quello che sta accadendo, per le problematiche sanitarie, per i lavoratori che aspettano risposte: io riprenderò a fare musica con il mio staff al completo e invito tutti a programmarlo per tempo; non so se potremo tornare alla normalità e lasciarci dietro tutto questo ma è necessario potersi riprendere […]

[…]

Top News

Bonaccini passa testimone della Conferenza Regioni, “Accordo unitario”

8 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Domani la Conferenza della Regioni e della Province autonome eleggerà un nuovo presidente e un nuovo vicepresidente. Ho avuto l’onore e il privilegio di guidare la Conferenza dalla fine del 2015, collaborando con tutti i colleghi presidenti (a prescindere dal colore politico) e con cinque Governi che si sono succeduti in questi […]

[…]

Top News

Draghi “Non ho una data per le riaperture, dipende da contagi e vaccini”

8 Aprile 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Io voglio vedere le prossime settimane come settimane di riaperture ma in sicurezza, a cominciare dalle scuole. Quanto più celermente procedono le vaccinazioni e tanto più si potrà tornare ad aprire. Non ho una data sulle riaperture perchè dipende dall’andamento dei contagi e dai vaccini”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, […]

[…]