La Cgil ricorda i 5 giovani profughi curdi trovati morti in un tir a Mirabella

Il segretario generale della Cgil di Avellino, Franco Fiordellisi, in occasione della manifestazione “Per un’Europa senza muri”, oggi a Milano, ricorda la ricorrenza della tragica vicenda dei 5 giovani profughi curdi-iracheni rinvenuti morti, a fine agosto 2002, in un Tir nell’area di servizio di Mirabella Eclano dell’autostrada Napoli-Bari

“Una drammatica vicenda – dice Fiordellisi – che colpì allora e che anche oggi smuove le coscienze democratiche e civili. La ricorrenza – osserva il segretario della Camera del lavoro – cade in contemporanea con la manifestazione ‘Per un’Europa senza muri’ e anche con l’incontro tra i due leader nazionalisti Matteo Salvini e Viktor Orban: un motivo in più per sottolineare i valori dell’accoglienza e dell’uguaglianza sociale messi in serio pericolo dalle politiche di governi come quello italiano e ungherese”.

“Quella tragedia – prosegue Fiordellisi – che si consumò in terra irpina è stata solo una delle tante drammatiche sequele di morti che si sono susseguite in tutti questi anni. Il dramma che ancora avvertiamo è che in questi anni di crisi si è accentuato un sentimento di odio verso persone più deboli e che per vario status giuridico potrebbero chiedere, legittimamente e legalmente, asilo in Italia o in altri paesi dell’Europa, come è accaduto per la nave Diciotti”. 

“Questo clima, che si è avvelenato sempre di più, è stato sin da subito denunciato dalla Cgil in quel particolare momento anche con il supporto e il sostegno di altre associazioni politiche e non: dal Partito della Rifondazione Comunista – guidato dal segretario Giovanni Maraia – all’associazione Vita, oltre che da diversi rappresentanti dei Comuni di Ariano e di Avellino, dall’allora sindaco di Mirabella Eclano Edmondo Pugliese e dall’allora assessore regionale Luigi Anzalone”.

“La Cgil irpina, che continua in quella battaglia intrapresa 16 anni fa, nel ricordare le vittime della tragedia di Mirabella Eclano è oggi vicina ai manifestanti che scendono in piazza a Milano per chiedere corridoi umanitari: per restare umani senza alzare muri. Convinti del fatto – conclude Fiordellisi – che per raggiungere un simile obiettivo bisogna recuperare la complessità dei ragionamenti, evitando la contrapposizione tra ultimi”.

Ultimi Articoli

Top News

Mourinho difende i Friedkin “Qualcuno ride con le tasche piene”

23 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “I Friedkin hanno ereditato tanti errori fatti dagli altri, così come Tiago Pinto. La proprietà ha speso tanto per rimediare a quegli errori, e c’è gente che ride con le tasche piene. Tanti milioni sono stati spesi e abbiamo dovuto spenderne altri per creare le condizioni per il successo del progetto”. E’ […]

[…]

Avellino

Sequestro di droga nel carcere di Avellino

23 Ottobre 2021 0

Importante operazione di servizio della Polizia Penitenziaria di Avellino, che ieri sera ha sequestrato dello stupefacente che stava per essere introdotto nella Casa circondariale. Ne da notizia il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, per voce […]

Attualità

Covid in Irpinia: 9 positivi

23 Ottobre 2021 0

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 419 tamponi effettuati sono risultate positive al COVID  9 persone: – 3, residenti nel comune di Avellino; – 2, residenti nel comune di Cervinara; – 1, residente nel comune di […]

Cronaca

Lioni: non rispetta il divieto di avvinamento, arrestato

23 Ottobre 2021 0

Si sono aperte le porte del carcere per un uomo arrestato dai Carabinieri della Stazione di Lioni, in esecuzione di un’ordinanza emessa dal GIP del Tribunale di Avellino. Il provvedimento scaturisce dall’inosservanza alle prescrizioni impostegli […]