Funerale a Baiano, Sindaci multati: Biancardi contesta i Carabinieri

Multati e indignati: avverso il provvedimento sanzionatorio a loro carico, i sindaci dei comuni del Mandamento annunciano ricorso al Prefetto di Avellino dal quale persò sono stati diffidati per la partecipazione al funerale del medico Carmine Sommese, a Baiano.

LEGGI PURE – Funerale a Baiano, il Prefetto bacchetta i sindaci

Sanzione pecuniaria di 400 euro a testa per avere violato le disposizioni previste dall’articolo 1 del decreto del Presidente del Consiglio del 10 aprile 2020.

Destinatari del provvedimento sono Enrico Montanaro sindaco di Baiano, Marco Alaia di Sperone, Raffaele Colucci di Sirignano, Alessandro Napolitano di Mugnano e Domenico Biancardi di Avella.

Provvedimenti emessi sulla scorta dell’informativa svolta dalla Compagnia Carabinieri di Baiano.

“Noi possiamo”

Forte contestazione per il provvedimento sanzionatorio viene dal presidente della Provincia di Avellino, Domenico Biancardi, che al Mattino ha rilasciato queste dichiarazioni:

“Io sono il presidente della Provincia e tutti siamo componenti dell’Unione dei Comuni del Baianese ed in quanto tali potevamo trovarci lì”.

Poi Biancardi – che è pure sindaco di Avella – se l’è presa con i rappresentanti delle forze dell’ordine presenti al funerale, sottolineando: “C’erano più carabinieri che cittadini”.

Il presidente della Provincia domanda: “E se, una volta fermato il carro, eravamo in troppi, perché i carabinieri non ci hanno allontanati?”, lasciando immaginare un «eccesso di potere» delle autorità.

Indagine penale

Argomentazioni che creano ulteriori polemiche e non aiutano a fare dimenticare una vicenda che ha creato malumore e disorientamento tra la cittadinanza del Mandamento.

Nei confronti dei sindaci e dei cittadini in corso di identificazione potrebbe scattare il provvedimento di quarantena domiciliare da parte dell’Asl mentre il sindaco di Baiano ha annunciato di avere provveduto autonomamente a ciò.

In tutto questo c’è pure l’indagine condotta dal sostituto procuratore della Repubblica, dottoressa Venezia, per l’ipotesi di reato di epidemia colposa a carico degli organizzatori e dei partecipanti per il saluto di commiato al dottore Carmine Sommese, deceduto per Coronavirus all’Ospedale Moscati di Avellino.

Si vuole fare pure chiarezza sulla organizzazione dell’evento: come mai il carro funebre scortato dalla vettura dei Vigili urbani di Avellino e diretto a Saviano (il paese dove Sommese era sindaco) abbia fatto più soste a Baiano, compreso la benedizione da parte del sacerdote.

Ultimi Articoli

Attualità

Corriere dell’Irpini­a: in edicola l’Annuario 2021

7 Gennaio 2022 0

Domenica in edicola l’Annuario 2021 del Corriere dell’Irpini­a. Il racconto dei fatti che hanno segnato l’­anno con il commento di studiosi, giornalisti, scritt­ori, le interviste ai protagonisti del mondo della politica, della cul­tura, della società […]

Attualità

Covid in Irpinia: 151 positivi

7 Gennaio 2022 0

L’Azienda Sanitaria Locale comunica su 961 tamponi effettuati sono risultate positive al Covid 151 persone: – 1, residente nel comune di Altavilla Irpina; – 1, residente nel comune di Aquilonia; – 2, residenti nel comune […]

Cronaca

Trovato morto noto ristoratore di Monteforte Irpino

7 Gennaio 2022 0

Dramma a Monteforte Irpino dove il proprietario di un noto ristorante è stato trovato morto nella cucina dell’attività di famiglia. Sono stati i dipendenti a scoprire il corpo senza vita dell’uomo di 53 anni. A […]