Fatture vecchie ora anche di 30 anni, Alto Calore sempre nel mirino

“La vicenda delle fatture non pagate all’Alto Calore Servizi, vecchie di almeno 30 anni, che stanno arrivando ad alcuni utenti, sta assumendo contorni paradossali e tali da ipotizzare una segnalazione del caso all’Anticorruzione”. Così in una nota la segreteria provinciale Asso-Consum. “Diversi i contatti – si legge ancora – che l’associazione di Avellino sta ricevendo in questi giorni in merito alle ingiunzioni di pagamento da parte della Crearci Srl, la società di riscossione che si è aggiudicata l’appalto per il recupero crediti da parte dell’ACS. Per questo motivo Asso-consum Avellino lancia un invito a tutti gli utenti a contattare immediatamente i propri legali per un consulto preliminare e gratuito. L’associazione, difatti, si è già messa in moto per verificare la legittimità e la legalità di questa bizzarra operazione di recupero crediti. A questo proposito viene chiamato in causa direttamente l’Alto Calore Servizi affinché intervenga per dare spiegazioni rispetto a quanto sta avvenendo, affinchè i cittadini non subiscano l’ennesima vessazione ingiustificata. A quanto pare quello che accade si può ricondurre all’articolo 10 del capitolato di appalto stipulato tra le due società il quale recita: “La commissione fissa, unitaria per cliente, relativa a spese sostenute su partite inesigibili è pari ad euro 50, depurata del ribasso d’asta offerto”. Ora, ad un occhio più attento non sfugge ciò che è accaduto: la Crearci Srl ha offerto un ribasso d’asta pari al 61%, dunque, semplicemente inviando il sollecito di pagamento, avrà diritto ad una somma pari a 19.50 euro. Dunque, più solleciti vengono inviati e maggiori sono gli incassi per la società Crearci, a carico dell’Alto Calore Servizi che, recuperato o no il credito, dovrà pagare comunque”. “L’Asso-Consum Avellino – si legge sempre nella nota – sta già studiando il caso ed intende segnalarlo all’autorità anticorruzione, perché nessuno resti impunito per quello che viene considerato un tentativo di riscuotere denaro in maniera del tutto ingiustificata. Se, difatti, fosse vero che l’ACS paga alla società di riscossione, la Crearci Srl, un importo anche per i crediti non riscossi e non più riscuotibili, allora il danno che l’intera comunità si vedrà costretta a pagare sarà enorme”.

Ultimi Articoli

Calcio Avellino

Avellino, tutti in bilico e rischio ‘rivoluzione’

18 Ottobre 2021 0

di Dino Manganiello La famiglia D’Agostino ha capito che il capitombolo è una eventualità che non si può non considerare. Ed allora ha cominciato a guardarsi intorno: sondaggi per non farsi trovare impreparati in caso […]

Top News

Ballottaggi, Meloni “Centrodestra sconfitto, ma non è una debacle”

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Credo che si debba riconoscere che il centrodestra esce sconfitto, credo che ne siamo tutti consapevoli. Il centrodestra conferma Trieste ma non strappa le altre 5 grandi città”. Lo ha detto la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, in conferenza stampa. “Credo che però a parlare di debacle un pò ce ne […]

[…]

Attualità

Incendio Montefredane: i primi dati Arpac

18 Ottobre 2021 0

Proseguono le verifiche dell’Agenzia ambientale della Campania in seguito all’incendio divampato nella notte tra sabato 16 e domenica 17 ottobre in un deposito di autoarticolati dell’azienda di trasporti Ba.Co. Trans srl situato nella frazione di […]

Top News

Letta “Il voto rilancia il Pd e rafforza il Governo”

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Il Pd oggi è rilanciato, vince ovunque queste elezioni”. Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, dalla sede del Nazareno, commentando i risultati dei ballottaggi.“Ho sempre imparato che la cosa più importante è ascoltare gli elettori e gli elettori sono più avanti di noi, perchè si sono saldati e hanno […]

[…]

Attualità

Furbetti all’Asl di Avellino, 27 condanne

18 Ottobre 2021 0

Ventisette condanne e sei assoluzioni nel processo di primo grado nei confronti di 33 dipendenti ed ex dipendenti della Asl di Avellino accusati di assentarsi dal lavoro dopo aver “strisciato” il badge. Il giudice monocratico, […]