E’ allarme al “Landolfi” di Solofra: percorso protetto, nulla è stato fatto

La segreteria nazionale dell’organizzazione sindacale Uilfpl ha diffidato i responsabili della santià in Irpinia a provvedere a quanto in precedenza richiesto, chiamando in causa anche il Prefetto di Avellino.

(LEGGI QUI)

Si legge nella diffida e messa in mora del sindacato, nell’interesse dell’utenza:

“Al fine di organizzare una concreta misura per il contenimento della diffusione del virus, la scrivente Organizzazione Sindacale chiede che venga immediatamente allestita una tenda all’esterno della struttura ospedaliera per il pre – triage (controllo all’esterno), l’organizzazione dei percorsi attrezzati per l’ingresso al presidio e la riduzione dell’afflusso dei familiari dei pazienti nei reparti ed il continuo rifornimento di adeguati DPI”.

“Si chiede a S.E. il Prefetto di Avellino di intervenire affinchè si possa dare attuazione delle misure preventive previste dal DPCM del 4.3.2020”.

In premessa viene sottolineato che “nonostante la nostra precedente comunicazione – diffida del 25 febbraio u.s. prot. n° 60/2020, con la quale si invitava e diffidava la Direzione Strategia dell’Azienda Ospedaliera Moscati di garantire al personale del Presidio Ospedaliero “Landolfi” di Solofra tutte le tutele previste dalle linee guida emanate dal Governo Centrale e Regionale e vigilare sulla corretta e tempestiva applicazione dei protocolli emanati, nonché sulle misure di alto contenimento della diffusione del virus, anche attraverso l’utilizzo di adeguati dispositivi di protezione individuale, spiace constatare che nulla è stato fatto.

Viene con forza segnalata la mancata organizzazione dei percorsi attrezzati per la salvaguardia del personale.

Prosegue la diffida: “Dopo la verifica effettuata dal Direttore di Presidio presso il P.O. di Solofra, le criticità evidenziate da questa Organizzazione Sindacale sono rimaste immutate, fatta salva l’individuazione del nuovo accesso per la sola Direzione Medica di Presidio.

Nessuna attenzione è stata rivolta agli ingressi esterni, né alla riduzione dell’afflusso dei familiari e/o accompagnatori dei pazienti nei reparti, come raccomandato dagli organi competenti “ ad esclusione dell’attività di qualche guardia giurata”

A tal proposito si segnala inoltre che una sola guardia è stata collocata all’ingresso del pronto soccorso senza contemporaneo raddoppio di unità all’ingresso principale per buona parte dei turni.

Ultimi Articoli

Top News

Pirlo “La Juve ha voglia e fame, sarà un campionato avvincente”

26 Settembre 2020 0
TORINO (ITALPRESS) – “Gli avversari si sono rinforzati molto, sarà un campionato avvincente. Nessuno è avvantaggiato, ci sarà da lottare fino all’ultima giornata. I ragazzi hanno voglia e fame, nonostante abbiano vinto tanto. Questo entusiasmo e questa voglia di migliorare mi tranquillizzano molto”. Andrea Pirlo si fida della sua squadra ma sa bene che il […]

[…]

Top News

Zingaretti “Non escludo nuovo lockdown, fondamentale tutelare scuola”

26 Settembre 2020 0
BOLOGNA (ITALPRESS) – Con l’aumento dei contagi, senza un costante rispetto delle regole anti Covid, il Governo potrebbe decidere per un nuovo lockdown. Lo ha detto il segretario Pd egovernatore del Lazio Nicola Zingaretti, a Bologna per l’iniziativa “#InsiemeperRicostruire – Proposte oltre l’emergenza” organizzata dall’osservatorio economico e sociale Riparte l’Italia. “Non escludo un nuovo lockdown, […]

[…]

Top News

Ufficiale, Valentino Rossi con la Petronas Yamaha nel 2021

26 Settembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Mancava l’ufficialità e ora è arrivata. Valentino Rossi proseguirà la sua incredibile carriera nella MotoGp con la Petronas Yamaha, facendo coppia nella scuderia malese, per la stagione 2021 del Motomondiale, con l’altro italiano Franco Morbidelli. Classe 1979, il ‘Dottorè gareggia nella classe regina dal 2000 ed è l’unico pilota nella storia ad […]

[…]