Calcio e politica per vincere l’appalto del metano: è derby D’Agostino-De Cesare

Cosa avranno mai in comune due imprenditori come Angelo Antonio D’Agostino e Gianandrea De Cesare?

La passione per il calcio?

Può essere.

D’Agostino non ha mai nascosto la mira di entrare nell’Avellino, ai tempi della serie B, dopo essersi cimentato in esperienze di più basso livello, nelle categorie inferiori, ad esempio con l’Isernia e qualche realtà avellinese.

De Cesare invece ha scoperto la sua smisurata passione per il calcio quando s’è trattato di presentare una manifestazione di interesse per fare ripatire il Calcio Avellino dalla serie D. Con l’appoggio del sindaco pentastellato, poi sfiduciato, è diventato il patron del nuovo calcio avellinese, affiancando tale passione a quella per il basket.

L’interesse verso la politica?

Certamente.

D’Agostino lo ha fatto mettendoci la faccia, in prima persona, ottenendo successo elettorale con l’elezione alla Camera dei Deputati.

De Cesare è riuscito a farlo  indirettamente, attraverso amici degli amici, altrimenti mai avrebbe ottenuto determinati appoggi e concessioni, come la proroga della proroga dal 2011 a chissà quando per mantenere il monopolio della distribuzione del gas e per vincere la gara per l’affidamento del Calcio Avellino.

Ma la cosa più importante che hanno in comune è la voglia di vincere la gara per l’appalto per l’affidamento della gestione e della distribuzione del gas naturale in provincia di Avellino?

Sicuro. Più del calcio e della politica, il loro derby si gioca adesso su questo campo.

D’Agostino è patron della Sienergia, De Cesare della Sidigas.

Il bando preparato in coincidenza con la campagna elettorale per l’elezione del nuovo sindaco di Avellino, ha un valore di circa 120 milioni di euro distribuiti nei 12 anni di concessione garantiti dal disciplinare di gara.

Per adesso ci fermiamo qui, con questi punti in Comune tra i due imprenditori che, per ottenere qualcosa di importante cominceranno a preparare le carte.

Pronti a giocare soprattutto le carte. Diciamo 40, come quelle napoletane.

Cominceremo a svelarle una ad una.

Le più importanti, quelle di “denaro”?

La passione dei tifosi, le aspettative dei cittadini legate all’elezione del nuovo sindaco, i rapporti con le amministrazioni dei comuni della provincia irpina.

Tante carte da giocare per ottenere ciò che sta loro a cuore: l’appalto per il gas e soldi a palate.

Sempre che non arrivi il terzo incomodo, ipotesi più che mai concreta.

Alla prossima…

 

 

Ultimi Articoli

Top News

Consiglio dei Ministri approva la Manovra di bilancio 2022

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il Consiglio dei ministri ha approvato il “Documento programmatico di bilancio per il 2022”, che illustra le principali linee di intervento che verranno declinate nel disegno di legge di bilancio e gli effetti sui principali indicatori macroeconomici e di finanza pubblica. Il documento, in via di trasmissione alle autorità europee ed al […]

[…]

Top News

Amministrative, Salvini “Non abbastanza bravi a costruire alternativa”

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Nelle grandi città abbiamo perso l’occasione di cambiare, abbiamo sbagliato noi, non siamo stati abbastanza bravi a costruire un’alternativa”. Così il leader della Lega, Matteo Salvini, ai microfoni di ‘Fuori dal Corò su Rete 4, commentando gli esiti delle elezioni amministrative. Poi lancia una stoccata al segretario del Pd Enrico Letta sull’astensionismo: […]

[…]

Top News

Scontri Roma, Salvini “Lamorgese si prenda le sue responsabilità”

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Quel cretino, quel delinquente, non doveva essere in quella piazza. Perchè ce l’avete lasciato? Ministro si prenda le sue responsabilità, se non l’ha capito che stava succedendo è grave, se l’aveva capito era ancora più grave. Se non sapete isolare 20 imbecille non sapete fare il vostro lavoro”. Così il leader della […]

[…]

Top News

Tarantino “Il cinema non è morto, la gente vuole normalità”

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sono cresciuto leggendo libri basati sui film. Ne ho riletti alcuni e ho pensato: perchè non farlo con un mio film?. C’era una volta Hollywood è piaciuto tanto e avevo tanto materiale anche non montato. E’ vero che è una specie di espansione di un mio film ma è anche un romanzo […]

[…]