Bollette dell’acqua più “salate” per i clienti Alto Calore, la protesta dei Consumatori

“La società Alto Calore Servizi S.p.A., con il recente ciclo di fatturazione, ha comunicato agli utenti di aver approvato le tariffe per gli anni 2016-2019 ai sensi della deliberazione AEEGSI (oggi ARERA) N.664/2015/R/IDR. Esprimiamo la nostra profonda indignazione e contrarietà, innanzi all’ennesima manovra di aumento a danno degli utenti, progettata e realizzata all’insaputa dei più, probabilmente anche degli stessi Sindaci”. Inizia così la nota a firma di Movimento Difesa del CittadinoFederconsumatori Avellino e Adoc (Generoso Testa, Fiorentilo Lieto e Gianluca De Cunzo).

“E’ oltretutto sconfortante verificare come la gestione di una risorsa primaria per l’esistenza dell’uomo e per lo sviluppo economico di un intero territorio, sia ancora oggi amministrata con criteri arcaici, poco trasparenti che non garantiscono l’efficienza e la qualità del servizio. Anche questa volta, così come accadde nel 2013, allorquando si passò dalla c.d. tariffa del minimo impegnato, agli attuali scagioni di consumo, l’intera operazione è avvenuta senza il preventivo nulla osta dell’AEEG (oggi ARERA), che ai sensi dell’art. 154, comma 4 del d. lgs. 152/02, è l’unica autorità legittimata ad approvare le proposte tariffarie. E’ sufficiente limitarsi ad effettuare tale formale considerazione, per comprendere l’illegittimità, l’ingiustizia e soprattutto la prevaricazione verso gli utenti, doppiamente danneggiati dal punto di vista economico e del servizio ricevuto”.

“Per come è strutturato il bilancio dell’Alto Calore Servizi e per come è organizzata questa azienda, il moltiplicatore tariffario legittimamente applicabile sarebbe quello pari a 0,90, ossia, per ogni euro speso in maniera inefficiente, solo il 90% potrebbe essere recuperato dalla tariffa. Come è accaduto nel 2015, vengono redatti piani di investimento che nei fatti restano solo sulla carta, per poi elemosinare interventi strutturali presso la Regione Campania.  Gli utenti in questo modo si ritrovano a dover pagare due volte il medesimo servizio, sia sotto il profilo tariffario che della fiscalità generale”.

“L’effettivo rilancio di questa storica azienda non passa attraverso la spremitura degli utenti, bensì attraverso un serio e coraggioso piano di ristrutturazione che miri esclusivamente a salvaguardare gli asset produttivi ed il know-how accumulato nei suoi decenni di storia. Non ci stancheremo mai di ribadire che la tariffa idrica non è il corrispettivo dovuto per la fornitura di un bene comune e gratuito come l’acqua, bensì il corrispettivo del servizio idrico integrato, che dovrebbe essere improntato a principi di efficienza ed economicità, nell’interesse esclusivo degli utenti. Siamo invece stanchi di assumere sempre e univocamente atteggiamenti responsabili nell’interesse generale della collettività, nella vana speranza di un cambio di direzione”.

“Questa volta, oltre a denunciare nuovamente presso le Autorità competenti tale illegittima e prevaricante condotta, non arretreremo di un centimetro, chiederemo il rimborso dei contestati aumenti e inonderemo di reclami gli uffici dell’Alto Calore Servizi. A breve predisporremo un modulo di reclamo che metteremo a disposizione degli utenti”.

Ultimi Articoli

Top News

Formazione, Fondazione CRT apre il primo ‘cantierè per nuove leadership

20 Ottobre 2021 0
TORINO (ITALPRESS) – La Fondazione CRT apre il primo “cantiere” nazionale per la formazione gratuita di nuove leadership, con l’apporto scientifico, unico in Italia, della Scuola di Politica “Vivere nella Comunità” fondata da Pellegrino Capaldo, Sabino Cassese e Marcello Presicci.Questo pionieristico progetto si chiama “Talenti per la Comunità: costruire nuove leadership”, e offrirà a giovani […]

[…]

Top News

Maiolini “Una nuova Iri per rilanciare il settore bancario”

20 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Una banca che guarda a nuovi settori, dall’immobiliare alle rinnovabile, valorizzando il territorio e le sue tradizioni. L’amministratore delegato della Banca del Fucino, Francesco Maiolini, racconta storia e futuro dell’istituto, nel corso dell’intervista a Claudio Brachino per la rubrica “Primo Piano” dell’agenzia Italpress. “Quando abbiamo sposato l’operazione Fucino in realtà non abbiamo […]

[…]

Top News

Draghi “In Italia vaccinazione più spedita che nel resto d’Europa”

20 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Dopo un avvio stentato, la campagna di vaccinazione europea ha raggiunto risultati molto soddisfacenti. Nell’Unione europea, quasi quattro adulti su cinque hanno ricevuto almeno una dose di vaccino, per un totale di 307 milioni di persone. In Europa, abbiamo somministrato 130 dosi di vaccino per 100 abitanti, a fronte delle 121 negli […]

[…]

Top News

Ue, Gentiloni “Adattare il Patto di Stabilità agli investimenti”

20 Ottobre 2021 0
BRUXELLES (BELGIO) (ITALPRESS) – Il Patto di Stabilità “ha ottenuto risultati ambivalenti. Da un lato è stato uno strumento unico per coordinare le politiche di bilancio e tenere sotto controllo il deficit. Dall’altro vi sono questioni aperte, a cominciare dalla complessità delle regole e dalla loro tendenza pro-ciclica. Inoltre, dobbiamo capire come poterle adattare alle […]

[…]

Top News

Ue, Dombrovskis “Il Patto di Stabilità ha funzionato”

20 Ottobre 2021 0
BRUXELLES (BELGIO) (ITALPRESS) – “Il Patto di stabilità, in base alla nostra valutazione, ha funzionato bene, ha abbastanza flessibilità come la crisi ha dimostrato: siamo stati capaci di attivare la clausola di salvaguardia e di fornire uno stimolo fiscale molto considerevole all’economia ma ci sono alcuni elementi che vanno affrontati. Bisogna assicurare una riduzione del […]

[…]