Basta, Ato Rifiuti ha deciso: il biodigestore si realizzerà a Chianche

Il Consiglio d’Ambito dell’Ato rifiuti – sulla scorta della relazione
predisposta dalla Commissione tecnico scientifica appositamente
nominata – individua il sito di Chianche quale soluzione migliore e più
funzionale per l’allocazione di un impianto per il trattamento della
frazione organica dei rifiuti.

L’individuazione è arrivata con il voto unanime di tutti i sette consiglieri presenti al momento della votazione.

Assenti alla seduta i consiglieri Marco Santo Alaia (Sindaco di Sperone),
Costantino Giordano (Sindaco di Monteforte) e Nunziante Picariello
(Sindaco di Capriglia Irpina).

Prima delle operazioni di voto hanno abbandonato la seduta i consiglieri Giovanni D’Ercole e Fabio della Marra Scarpone (Sindaco di Savignano Irpino). D’Ercole e Della Marra, dopo aver ribadito le perplessità già evidenziate nel corso della precedente seduta (il consiglio, convocato per il 6 luglio, si è concluso in maniera anticipata per mancanza del numero legale), hanno deciso di non partecipare alle operazioni di voto.

Nello specifico, il consigliere D’Ercole ha evidenziato che la decisione è stata assunta “per protesta” nei confronti della decisione del consiglio di non mettere a votazione una mozione presentata dallo stesso consigliere.

D’Ercole ha prima evidenziato che “sarebbe stato doveroso, prima di arrivare ad una decisione, favorire un confronto tra i consiglieri e la commissione tecnico scientifica” e, quindi, ha presentato una mozione per chiedere di non procedere alle operazioni di voto perché questo non sarebbe stato all’ordine del giorno.

Il presidente – ribadito l’argomento all’ordine del giorno: “Trasmissione del direttore generale degli atti elaborati dalla Commissione Tecnica Scientifica, nominata in attuazione della delibera del Consiglio d’Ambito numero 1 del 20 gennaio 2020, per le conseguenti valutazioni” – ha chiesto, invece, di passare alla votazione.

I sette consiglieri presenti hanno valutato positivamente l’attività della commissione ed hanno, quindi, indicato unanimemente il sito di Chianche come quello più funzionale – secondo i criteri stabiliti dalla stessa commissione – per l’allocazione di un impianto per il trattamento
dei rifiuti organici.

“La commissione tecnico scientifica – ha chiosato il
Presidente Tropeano – non ha formulato alcuna graduatoria. Ha, invece,
definito dei gradi di preferenza, rispetto ai quali ho concesso ampia
facoltà a tutti i consiglieri di esprimere il proprio voto rispetto all’individuazione del sito più idoneo e funzionale. Tutti hanno
convenuto di votare per il sito di Chianche”.

Importante che non si realizzi nel territorio dei sindaci chiamati al voto decisionale.

Ultimi Articoli

Top News

Turismo, Caputi “Provvedimenti hanno respiro corto per vera ripresa”

13 Agosto 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Dopo mesi di attesa finalmente arrivano provvedimenti mirati per il turismo “ma hanno un respiro corto, puntano a salvare una stagione e non gettano le basi per una ripresa vera nel 2021, anno che non sarà certo luminoso viste le numerose difficoltà dei trasporti e le incertezze che ancora pesano sugli sviluppi […]

[…]

Top News

Scuola, Azzolina “No mascherina con distanziamento”

13 Agosto 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “La scuola il 14 riapre. Nessuno di noi pensa che si possa tornare a un lockdown generalizzato. Siamo più preparati. E laddove si verificasse qualche caso locale, abbiamo considerato il rischio chiusura e preparato gli strumenti per affrontare la situazione”. Così la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, in un’intervista al Corriere della Sera, […]

[…]

Top News

Il papà di Gioele “Chi sa parli. Viviana? Forse incidente o malore”

13 Agosto 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Io non credo che Viviana sia stata uccisa, ma il suicidio non lo voglio nemmeno immaginare. Forse è stato un incidente o un malore. Quella mattina era tranquilla, anche se nei mesi scorsi aveva avuto dei problemi”. A dirlo in un’intervista al “Corriere della Sera” Daniele Mondello, marito di Viviana Parisi, la […]

[…]