Avellino: in vigore la nuova ordinanza anti smog, il traffico non diminuisce e i commercianti insorgono

Raggiunto anche il 24esimo giorno di superamento dei livelli massimi di polveri sottili nell’aria, stamane è entrata in vigore ad Avellino la nuova ordinanza anti smog firmata dal sindaco Paolo Foti che prevede il blocco alla circolazione nel centro città per tutto il mese di maggio ai veicoli considerati inquinanti. Occhio al libretto: non potranno circolare le auto benzina al di sotto di euro 3 e diesel sotto euro 4. Il divieto è valido tutti i giorni in due fasce orarie: dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 19. Vietato anche mantere i motori accesi durante la sosta, così come dar fuoco alle sterpaglie nelle campagne. Almeno oggi, però, il flusso è stato intenso nonostante il ponte festivo e i controlli dei vigili urbani. Sono fioccate anche le prime multe: in questo caso la sanzione prevista è di 183 euro. Intanto i commercianti, dopo gli appelli a vuoto dei giorni scorsi, sono tornati a far sentire la loro voce. “Provvedimento inutile perché adottato solo da Avellino e non dagli altri comuni dell’hinterland cittadino” – tuona Giulio De Angelis, vice presidente della Confcommercio di Avellino che agigunge: “Abbiamo invano cercato di avviare un confronto con l’amministrazione. Così si penalizzano solo i commercianti della città. Foti non può chiudersi a riccio”.

Ultimi Articoli

Top News

Covid, Macron reintroduce lockdown con chiusura fino al 1 dicembre

28 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – Nel giorno in cui la Francia sfiora i 70 mila contagi in 24 ore, il presidente Emmanuel Macron si presenta in tv all’ora di cena e annuncia il lockdown a partire da venerdì. “Siamo sopraffati dall’accelerazione dell’epidemia” ammette.“I nostri ospedali saranno pieni, se non diamo un colpo mortale oggi i medici dovranno […]

[…]

Top News

Coronavirus, Arcuri “ospedali troppo affollati, più test e cure a casa”

28 Ottobre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – “Meno ricoveri quando non sono necessari, più attrezzature per le terapie intensive, più capacità degli ospedali per i ricoveri con strutture provvisorie e ospedali da campo, come abbiamo già fatto durante la prima ondata. E si riprende il sistema di collaborazione tra le Regioni per trasferire i malati nei luoghi dove c’è […]

[…]