Avellino, contrada Bagnoli al buio: la rabbia dei residenti

Da questa mattina le abitazioni e gli esercizi commerciali di Contrada Bagnoli, alla periferia di Avellino, sono sprovvisti di energia elettrica.

Nessuno conosce il motivo.

Sono stati contattati gli uffici dell’Enel e si è saputo che si tratta di un guasto. Non è ancora nota l’entità del danno tanto meno i tempi di riattivazione del servizio di energia elettrica.

C’è rabbia da parte degli abitanti di quella zona dove sono avvenuti, recentemente, episodi di delinquenza, quali furti in appartamento. Non è escluso che possa essere stato provocato volutamente un danno alla rete elettrica.

Secondo quanto riferito da alcunir esidenti, non si vedono operai dell’Enel in giro per compiere perlustrazioni e soprattutto risolvere l’eventuale guasto.

Da parte del centralino dell’Enel solo risposte vaghe e per nulla precise.

Si attende la riattivazione.

Ultimi Articoli

Top News

Coronavirus, De Luca “Da lunedì chiudiamo le scuole in Campania”

26 Febbraio 2021 0
NAPOLI (ITALPRESS). “Vi comunico che da lunedì chiudiamo tutte le scuole”. Lo ha annunciato il Presidente della Campania Vincenzo De Luca nel corso della consueta diretta social del venerdì pomeriggio. “Abbiamo registrato in queste ore – spiega il governatore – in particolare nelle scuole di Napoli, la presenza della variante inglese. Non credo dobbiamo aspettare […]

[…]

Top News

Ue, Draghi “Autonomia e coordinamento per la difesa”

26 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Si è concluso il Consiglio Europeo che si è svolto in videoconferenza. Stamani il premier Mario Draghi, secondo quanto si apprende, è intervenuto nella sessione “Sicurezza e Difesa” sottolineando l’importanza dell’autonomia strategica dell’Unione europea in un quadro di complementarietà con la NATO e di coordinamento con gli Stati Uniti. Per il presidente […]

[…]

Top News

Gse, Vetrò “Saremo protagonisti della transizione ecologica”

26 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Quello che il GSE può fare è candidarsi come attore principale nella gestione dei questi fondi” del Recovery “che riguardano la transizione ecologica. Noi già gestiamo delle cifre molto significative, circa 16 miliardi di euro l’anno, ed è un mestiere che oggettivamente abbiamo dimostrato di saper fare. Nell’ambito di quelle che saranno […]

[…]