Autovelox Atripalda, la “trappola”adesso è doppia: fisso e mobile

Attenzione: c’è pure un autovelox mobile lungo la Variante SS7bis, nel territorio del Comune di Atripalda. Nella foto si vede l’autovelox mobile in azione nella piazzola di sosta situata poco prima dello svincolo per Salerno, sulla corsia opposta rispetto a quella in cui è posizionata l’installazione fissa di cui tanto si discute. Il servizio della pattuglia dei vigili di Atripalda è iniziato alle 14,30 di oggi.

Uno di qua e l’altro di là, importante è scattare foto e fare cassa. Altro che prevenzione.

Il Comune di Atripalda ha bisogno di fare recuperare i mancaiti introiti dovuti al ritardo per la installazione dell’autovelox fisso. E così, oltre ad avere provveduto allo spostamento della postazione a suo tempo sistemata in un posto sbagliato, ora ha messo in funzione anche l’autovelox mobile, sistemato in una delle nuove vetture a disposizione del Comando Vigili Urbani.

Sulla variante SS 7bis, dove vige il limite di 70 kmh, è adesso prevedibile un notevole incasso per il Comune di Atripalda attraverso le multe che fioccheranno a carico degli automobilisti che, solo procedendo a bassa velocità, potranno evitare di finire nella tagliola. Inutile fare giri di parole: questo sistema è utile solo per fare cassa.

Insufficienti si sono rivelati finora gli interventi di associazioni, sindacati, benpensanti relativamente all’autovelox o fisso che rappresenta un pericolo più che un deterrente perchè situato in un tratto di stradain discesa, all’inizio della corsia di decelerazione di uno svincolo e quindi con il rischio di brusche frenate da parte di chi si accorgerà – solo all’ultimo momento – della presenza della macchinetta infernale, con la frenata istintiva anche se si procede al di sotto del limite consentito.

Intanto l’associazione  “Noi Atripalda”, tramite avv. Paolo Spagnuolo, ha fatto sapere di non avere tuttora ricevuto gli atti richiesta di accesso agli atti (LEGGI QUI), ovvero alla documentazione attraverso cui la Polizia Stradale di Avellino ha dato il proprio assenso per l’installazione dell’autovelox fisso in una posizione che è obiettivamente discutibile, per la sicurezza della circolazione.

Il Comandante della Polizia Stradale ha 30 giorni di tempo per fornire la risposta. Una risposta sollecita non guasterebbe, senza attendere l’ultimo giorno. Si può fare?

Ultimi Articoli

Top News

Maiolini “Una nuova Iri per rilanciare il settore bancario”

20 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Una banca che guarda a nuovi settori, dall’immobiliare alle rinnovabile, valorizzando il territorio e le sue tradizioni. L’amministratore delegato della Banca del Fucino, Francesco Maiolini, racconta storia e futuro dell’istituto, nel corso dell’intervista a Claudio Brachino per la rubrica “Primo Piano” dell’agenzia Italpress. “Quando abbiamo sposato l’operazione Fucino in realtà non abbiamo […]

[…]

Top News

Draghi “In Italia vaccinazione più spedita che nel resto d’Europa”

20 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Dopo un avvio stentato, la campagna di vaccinazione europea ha raggiunto risultati molto soddisfacenti. Nell’Unione europea, quasi quattro adulti su cinque hanno ricevuto almeno una dose di vaccino, per un totale di 307 milioni di persone. In Europa, abbiamo somministrato 130 dosi di vaccino per 100 abitanti, a fronte delle 121 negli […]

[…]

Top News

Ue, Gentiloni “Adattare il Patto di Stabilità agli investimenti”

20 Ottobre 2021 0
BRUXELLES (BELGIO) (ITALPRESS) – Il Patto di Stabilità “ha ottenuto risultati ambivalenti. Da un lato è stato uno strumento unico per coordinare le politiche di bilancio e tenere sotto controllo il deficit. Dall’altro vi sono questioni aperte, a cominciare dalla complessità delle regole e dalla loro tendenza pro-ciclica. Inoltre, dobbiamo capire come poterle adattare alle […]

[…]

Top News

Ue, Dombrovskis “Il Patto di Stabilità ha funzionato”

20 Ottobre 2021 0
BRUXELLES (BELGIO) (ITALPRESS) – “Il Patto di stabilità, in base alla nostra valutazione, ha funzionato bene, ha abbastanza flessibilità come la crisi ha dimostrato: siamo stati capaci di attivare la clausola di salvaguardia e di fornire uno stimolo fiscale molto considerevole all’economia ma ci sono alcuni elementi che vanno affrontati. Bisogna assicurare una riduzione del […]

[…]