Uil: “Non si provi a mettere pazienti e medici uno contro l’altro”

La riduzione dei trasferimenti alle Regioni di 2,35 Mld di euro è l’unico vero pilastro su cui fonda il DL Enti Locali da cui derivano i provvedimenti della “ Appropriatezza prescrittiva” che si cerca di far passare come recuperi di sprechi i cui costi tra l’atro non sono individuati ne specificati. Non si tratta di provvedimenti che interpretano le esigenze dei pazienti ne tantomeno si pongono dalla parte dei lavoratori del servizio sanitario e men che meno dei medici, ma solo un mal…

La riduzione dei trasferimenti alle Regioni di 2,35 Mld di euro è l’unico vero pilastro su cui fonda il DL Enti Locali da cui derivano i provvedimenti della “ Appropriatezza prescrittiva” che si cerca di far passare come recuperi di sprechi i cui costi tra l’atro non sono individuati ne specificati. Non si tratta di provvedimenti che interpretano le esigenze dei pazienti ne tantomeno si pongono dalla parte dei lavoratori del servizio sanitario e men che meno dei medici, ma solo un maldestro tentativo di fare cassa sulla sanità svolgendo il compito a casa che la manovra finanziaria indica al ministro della salute che da brava scolara compone con la giusta dose di propaganda caratteristica della fase politica che il Paese sta subendo. E’ quanto afferma il Segretario Generale UIL Luigi Simeone.
La Uil a tutti i livelli e con tutte le sue espressioni è fortemente contraria al metodo che applica ancora tagli lineari sugli enti locali ( su cui alcune regioni stanno proponendo ricorso), e nel merito che determina non solo un grave abbassamento dei servizi, ma rischia oltretutto di incrinare il rapporto di fiducia e di affidamento alla base del sistema di relazioni tra famiglia e medico. Non pensiamo –continua la nota congiunta di Simeone e Petretta (Segretario della Funzione Pubblica UIL FPL) che gli sprechi nella sanità non ci siano, ma consideriamo quelli delle prescrizione mediche un aspetto estremamente marginale se non pretestuoso per celare ben altre diseconomie “politiche “ che invece permangono e nessuno vuole affrontare.
Gli operatori della sanità non vanno perseguiti o allertati per poterlo essere in caso di prescrizioni che si ritiene economicamente eccessive, se un medico dovesse scegliere tra la prescrizione di un esame per operare una giusta diagnosi e rischiare di essere perseguito, o esimersi dal farlo e rischiare la salute del suo paziente, siamo certi che correrà il rischio della persecuzione a salvaguardia della salute del suo assistito, ma ciò non è ne giusto ne onesto non potendo la politica contare sempre sulla altrui sensibilità. L’abbassamento dei livelli di assistenza non è da scaricare sugli operatori del servizio sanitario nazionale, e non c’è bisogno di sobillare ricorsi, cause e denunce che costano al SSN e arricchiscono procacciatori di affari che troppo spesso girano anche tra i reparti e non come degenti.

Ultimi Articoli

Top News

Milan corsaro, batte la Roma 2-1 e torna a -4 dall’Inter

28 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il Milan sbanca l’Olimpico e si porta a meno 4 dall’Inter. Il big match della ventiquattresima giornata della Serie A termina 2-1 per i rossoneri; per la Roma di Fonseca c’è l’ennesima sconfitta in uno scontro diretto di questa stagione. La prima frazione di gioco è uno spettacolo condito dai tanti errori […]

[…]

Top News

Mertens trascina il Napoli che vince 2-0 il derby col Benevento

28 Febbraio 2021 0
NAPOLI (ITALPRESS) – Il derby campano della Serie A finisce nelle mani del Napoli, che batte 2-0 il Benevento e si riavvicina alla zona Champions League, agganciando la Lazio a quota 43. A decidere la gara ci pensano Mertens nel primo tempo e Politano nella ripresa (gol fortunato), regalando a Gattuso una vittoria dal peso […]

[…]

Top News

M5S, Grillo “Abbiamo idee e spirito, andiamo lontano”

28 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sono 30 anni che parlo di energia, ambiente, economia. Sono 30 anni che parlo di paradossi, di come un barile di petrolio costi 50 dollari e un barile di coca cola 350 dollari. Sono 30 anni che parlo di come nelle nostre scelte ci sia poco di razionale ed intelligente. Di come […]

[…]

Top News

Coronavirus, 17.455 nuovi casi e 192 decessi in 24 ore

28 Febbraio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Sono 17.455 i nuovi casi di Coronavirus in Italia (ieri 18.916) a fronte di 257.024 tamponi effettuati su un totale di 40.132.887 da inizio emergenza. E’ quanto si legge nel bollettino del Ministero della Salute – Istituto Superiore di Sanità di oggi. Nelle ultime 24 ore sono stati 192 i decessi (ieri […]

[…]