Telerilevamento aereo contro l’inquinamento di Solofrana e Sarno

Con il sorvolo del torrente Cavaiola si è completato il monitoraggio del sistema fluviale e idraulico del fiume Sarno con il sistema di telerilevamento aereo. L’iniziativa, che rientra nelle attività realizzate nell’ambito dell’Accordo di collaborazione tra Regione Campania (Assessorato all’ Ambiente) e Capitanerie di Porto – Guardia Costiera (Direzione Marittima di Napoli), ha visto nei giorni scorsi anche il controllo dell’area del torrente Solofrana. Impiegati, in considerazione dell’orografi…

Con il sorvolo del torrente Cavaiola si è completato il monitoraggio del sistema fluviale e idraulico del fiume Sarno con il sistema di telerilevamento aereo. L’iniziativa, che rientra nelle attività realizzate nell’ambito dell’Accordo di collaborazione tra Regione Campania (Assessorato all’ Ambiente) e Capitanerie di Porto – Guardia Costiera (Direzione Marittima di Napoli), ha visto nei giorni scorsi anche il controllo dell’area del torrente Solofrana. Impiegati, in considerazione dell’orografia delle aree interessate, differenti soluzioni tra aereo ed elicottero. In particolare, il sorvolo del torrente Solofrana ha permesso l’acquisizione di un filmato all’infrarosso termico, già disponibile dopo 24 ore per le prime osservazioni, realizzato con camera termica FLIR modello QWIP installata su elicottero AW 139. L’analisi dei filmati ha rilevato alcuni punti di criticità che sono stati georiferiti grazie al sistema GPS integrato sulla camera termica e che saranno verificati al suolo dalla Capitaneria di Porto di Castellamare di Stabia. Realizzata, inoltre, una ripresa notturna sul canale all’infrarosso termico su una porzione di territorio della Terra dei Fuochi interessata da anomalie del suolo riscontrate sia a terra (ARPAC) sia da rilievo aeromagnetico e radiometrico (MATTM). Nel corso della prima missione di volo dello scorso 19 dicembre, che aveva il duplice obiettivo di testare l’operatività del metodo e di effettuare un sorvolo del litorale domitio-flegreo, dalla foce Volturno al golfo di Pozzuoli, con un approfondimento su aree interne limitrofe incluse nel perimetro dei Comuni partecipanti al Patto per La Terra dei Fuochi, sono stati individuati alcuni target critici in corso di classificazione per le necessarie verifiche al suolo. Priorità è stata data all’area a nord del lago Patria su cui è presente una condizione di coincidenza tra anomalie termiche rilevate ed altri tipi di anomalie precedentemente riscontrate. Attualmente è in corso di programmazione una terza missione di telerilevamento prevista sull’asta principale del fiume Volturno e del fiume Calore beneventano. “Con il sistema del telerilevamento aereo – sottolinea l’assessore regionale all’Ambiente Giovanni Romano – continua l’azione della Regione Campania nel monitoraggio del territorio. Il lavoro dell’assessorato regionale all’Ambiente proseguirà senza soste per la difesa di tutte le aree, in particolare di quelle devastate da criminali senza scrupoli che ne hanno fatto scempio”.

Ultimi Articoli

Attualità

Covid in Irpinia: 14 casi

6 Dicembre 2021 0

L’Azienda Sanitaria Locale comunica che, su 168 tamponi effettuati, sono risultate positive al Covid 14 persone: – 1, residente nel comune di Ariano Irpino; – 1, residente nel comune di Atripalda; – 1, residente nel […]

Baiano

In possesso di cocaina e hashish, denunciato 30enne

6 Dicembre 2021 0

Continua incessante l’opera di prevenzione e repressione in ordine al contrasto di attività illecite legate al fenomeno dell’uso e spaccio di sostanze stupefacenti. In tale contesto, un’altra attività è stata condotta dai Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile […]

Politica

Il sindaco e la sindrome De Luca

6 Dicembre 2021 0

Bisogna ammettere che il sindaco di Avellino ha ragione quando denuncia un eccesso di critica sull’operato della sua amministrazione. Dovrebbe essere evidente che i problemi della città sono tali e tanti che nessuno può ancora […]