Servizio idrico, Melchionna: percorso comune Alto Calore-Gesesa

La Legge regionale del 2 dicembre 2015, n. 15, “Riordino del servizio idrico integrato ed istituzione dell’Ente Idrico Campano” disciplina la riorganizzazione della gestione delle acque attraverso possibili aggregazioni delle società di gestione che, ad oggi operano sul territorio. ”Per l’Irpinia e il Sannio è fondamentale – dichiara il Segretario Generale della Cisl IrpiniaSannio Mario Melchionna – la realizzazione di un percorso condiviso da parte dell’Alto Calore e della Gesesa, soprattutto…

La Legge regionale del 2 dicembre 2015, n. 15, “Riordino del servizio idrico integrato ed istituzione dell’Ente Idrico Campano” disciplina la riorganizzazione della gestione delle acque attraverso possibili aggregazioni delle società di gestione che, ad oggi operano sul territorio. ”Per l’Irpinia e il Sannio è fondamentale – dichiara il Segretario Generale della Cisl IrpiniaSannio Mario Melchionna – la realizzazione di un percorso condiviso da parte dell’Alto Calore e della Gesesa, soprattutto in vista del nuovo accorpamento tra le due province e la creazione di un unico distretto per tutti i 195 comuni. È altresì fondamentale la costituzione degli organi del nuovo soggetto Gestore entro il prossimo giugno 2016, che sancisce la cessazione dell’attività dei Commissari straordinari. Se non si realizzerà alcun accordo, si rischia di perdere l’affidamento diretto della gestione del servizio idrico, dal momento che al termine dei sei mesi previsti dalla Legge, sarà indetto un bando di gara per l’affidamento, con la partecipazione di soggetti esterni.
Inoltre – afferma Giovanni Esposito, Segretario Generale Femca Cisl IrpiniaSannio – c’è ancora da approvare lo Statuto che, definisce criteri e modalità di utilizzo del nuovo fondo ‘per la salvaguardia e la tutela ambientale’. Sono ancora tante le questioni da definire e soprattutto da risolvere e la politica dovrebbe farsi carico di questo importante e delicato problema legato al ‘nostro bene comune acqua’.
La Cisl – conclude Melchionna -, sollecita la Politica e le Istituzione a risolvere in tempi brevi la questione, garantendo la difesa dell’ambiente, del nostro territorio, il mantenimento dei livelli occupazionali e maggiore trasparenza nella definizione successiva delle tariffe per i cittadini. Speriamo che questo ennesimo appello, non cada nel vuoto, per lasciare spazio ad interessi di altra natura“.

Ultimi Articoli

Calcio Avellino

Avellino, il Bari scappa: devi solo vincere

27 Novembre 2021 0

E dopo che il Bari capolista non è scivolato sulla buccia di banana, regolando il Latina al San Nicola e portandosi a +12 sui Lupi, per l’Avellino quello che era già imperativo diventa inevitabilmente categorico: […]

Attualità

Covid in Irpinia: 39 positivi

27 Novembre 2021 0

L’Azienda Sanitaria Locale comunica che su 822 tamponi effettuati sono risultate positive al Covid 39 persone: – 1, residente nel comune di Altavilla Irpina; – 5, residenti nel comune di Ariano Irpino; – 6, residenti […]

Aiello del Sabato

Violazioni in materia di armi: denunciati padre e figlio

27 Novembre 2021 0

I Carabinieri della Stazione di Aiello del Sabato, nell’ambito dei servizi finalizzati al controllo del rispetto della normativa in materia di armi e munizioni ai sensi del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, hanno […]

Attualità

Covid in Irpinia: 72 casi. 9 ad Avellino

26 Novembre 2021 0

‘Azienda Sanitaria Locale comunica su 1.069 tamponi effettuati sono risultate positive al Covid 72 persone: – 2, residenti nel comune di Aiello del Sabato; – 4, residenti nel comune di Altavilla Irpina; – 2, residenti […]