Secondo giorno di porta a porta, ma i marciapiedi restano discariche

Salotto buono ripulito, ma in altre aree del centro di Avellino al secondo giorno del nuovo piano di raccolta differenziata sembra di riviere i giorni bui dell’emergenza rifiuti con i marciapiedi trasformati in discariche a cielo aperto. Il copione resta sempre lo stesso del primo giorno, ma adesso lo smarrimento e le incertezze che hanno contraddistinto l’estensione a tutta la città del nuovo sistema porta a porta lasciano chiaramente spazio all’inciviltà e ai furbetti. Basta incrociare una campana per il vetro – saranno rimosse agli inizi di gennaio – per ritrovare in strada di tutto, finanche rifiuti speciali come i materiali di risulta dell’edilizia.

Ultimi Articoli

Top News

Marò, Di Maio “Messo punto a lunga vicenda, grazie a diplomazia”

15 Giugno 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Chiusi tutti i procedimenti giudiziari in India nei confronti dei nostri due marò, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre. Grazie a chi ha lavorato con costanza al caso, grazie al nostro infaticabile corpo diplomatico. Si mette definitivamente un punto a questa lunga vicenda”. Lo scrive su twitter il ministro degli Esteri, Luigi Di […]

[…]

Top News

Contrabbando di sigarette, lo Stato perde 800 mln di entrate all’anno

15 Giugno 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il contrabbando di sigarette e prodotti affini è una forma di criminalità molto complessa che genera importanti danni per l’Erario, ma anche per la salute dei cittadini, la sicurezza del Paese e di tutta l’Unione Europea. L’incessabile attività di contrasto delle Forze dell’Ordine, Guardia di Finanza in testa, insieme alla variazione degli […]

[…]