San Martino Valle Caudina ricorda la tragedia del bombardiere americano caduto nel 1944

Il comune di San Martino Valle Caudina ricorda il bombardiere americano caduto nel 1944.

Il 20 giugno del 1944 la guerra era oramai lontana dalla Campania ma essa continuava a mietere vittime. Gli abitanti di San Martino Valle Caudina, un piccolo centro alle falde del massiccio del Partenio, udirono una forte esplosione provenire dalla montagna che sovrasta il paese. Quanti accorsero per primi si trovarono di fronte a uno spettacolo straziante. Fra le lamiere contorte di un aereo statunitense giacevano i poveri resti di 11 vittime.

Chi erano questi sfortunati aviatori e cosa ne provocò la morte? Per tanti anni la loro storia è rimasta avvolta indistintamente nelle pieghe dei racconti popolari fino a quando, nel 2014, Gianni Raviele, che fu testimone dell’accaduto, interessò di questa vicenda l’associazione Salerno 1943. Il sodalizio che si occupa di recuperare la memoria storica degli eventi della seconda guerra mondiale verificatisi in Campania e nelle regioni limitrofe si mise in contatto con Francesco Capuano e Raffaele D’Agostino esperti conoscitori dei luoghi. Grazie all’aiuto di Raffaele vennero recuperati alcuni frammenti del velivolo i quali, recando il prefisso 32, permisero di capire che si trattava di un bombardiere B-24 Liberator.

Cosa ne provocò la caduta? I documenti pazientemente rintracciati da Raffaele hanno fatto luce sulla vicenda. Il bombardiere matricola 42-78263 era decollato nel pomeriggio del 20 giugno 1944 per un volo di trasferimento dall’aeroporto di Pomigliano D’Arco a quello di Pantanella nei pressi di Canosa, in Puglia. Non si trattava di una missione di guerra ma quel viaggio si rivelò più tragico di una delle tanti azioni belliche alle quali gli uomini a bordo avevano partecipato.

Il velivolo, appartenente alla 15th Air Force, 465 Bomber Group, 782nd Bomber Squadron, era pilotato dal capitano Eugene J. C. O’Neill. La rotta prevedeva l’attraversamento della dorsale appenninica. O’Neill evidentemente contava di superare il massiccio del Partenio scavalcandolo sul versante nord dove le vette sono più basse per poi dirigersi verso la Puglia. Evidentemente una leggera variazione di rotta spinse l’aereo più a sud dove le cime del massiccio sfiorano i 1600 metri. Complice anche la presenza di nubi basse, il pilota non si rese conto che si stava dirigendo contro la vetta dei monti di Avella. Inoltre, dal rapporto stilato dal War Department si evince che i motori 3 e 4 ebbero dei problemi. Questo disguido probabilmente non permise al pilota di raggiungere una quota maggiore. Ad ogni modo l’aereo si schiantò a pochi metri dalla vetta. Per gli 11 uomini dell’equipaggio non ci fu scampo.

Ecco i loro nomi: Eugene C. O’Neill, Harry W. Gaffga, William D. Trevaskiss, James D. Riley,, Theodore E. Davis, Lawrence J. Ryan, Kenneth I. Kopp, Donald M. McGrew, George F. Bullock, Sanford N. Meadows, Homer P. Darbyshire Jr. Le salme degli sfortunati aviatori vennero interrate nel cimitero militare americano di Napoli. Nel dopoguerra furono traslate negli Stati Uniti nei cimiteri delle loro città d’origine.

L’amministrazione comunale di San Martino ha ritenuto opportuno ricordare questo luttuoso evento giovedì 5 agosto alle ore 18.30 con una conferenza che si terrà presso l’aula comunale alla quale interverranno l’assessore alla cultura Pino Mauriello, l’associazione Salerno 1943, Davide Urciuolo, Massimo Palumbo e Grazia Matera. Nella serata verrà inaugurata nel Parco Urbano di San Martino la scultura commemorativa dell’evento realizzata da Antonio Cavaiuolo.

In montagna verrà poi collocato un cippo a ricordo della sciagura.

Ultimi Articoli

Top News

Il posticipo va al Venezia, Aramu stende la Fiorentina

18 Ottobre 2021 0
VENEZIA (ITALPRESS) – Sono 3 punti pesanti in chiave salvezza quelli conquistati dal Venezia, che nel posticipo dell’ottava giornata supera per 1-0 la Fiorentina uscendo momentaneamente dalla zona retrocessione. Dopo un avvio tutt’altro che emozionante è la Viola a creare la prima occasione da rete al 21′ quando Bonaventura ci prova dal limite dell’area ma […]

[…]

Top News

Al Vinitaly qualità e tutela sono le parole d’ordine

18 Ottobre 2021 0
VERONA (ITALPRESS) – Seconda giornata di Vinitaly nella sua Special Edition, con un occhio ai mercati internazionali ma anche a quello interno, oggi sorprendente. In questo settore si assiste a una rivoluzione rosa: le donne sono produttrici e manager nel settore vinicolo, ma soprattutto nel 2021 le wine lovers hanno superato gli uomini passando, secondo […]

[…]

Calcio Avellino

Avellino, tutti in bilico e rischio ‘rivoluzione’

18 Ottobre 2021 0

di Dino Manganiello La famiglia D’Agostino ha capito che il capitombolo è una eventualità che non si può non considerare. Ed allora ha cominciato a guardarsi intorno: sondaggi per non farsi trovare impreparati in caso […]

Top News

Ballottaggi, Meloni “Centrodestra sconfitto, ma non è una debacle”

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Credo che si debba riconoscere che il centrodestra esce sconfitto, credo che ne siamo tutti consapevoli. Il centrodestra conferma Trieste ma non strappa le altre 5 grandi città”. Lo ha detto la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, in conferenza stampa. “Credo che però a parlare di debacle un pò ce ne […]

[…]

Attualità

Incendio Montefredane: i primi dati Arpac

18 Ottobre 2021 0

Proseguono le verifiche dell’Agenzia ambientale della Campania in seguito all’incendio divampato nella notte tra sabato 16 e domenica 17 ottobre in un deposito di autoarticolati dell’azienda di trasporti Ba.Co. Trans srl situato nella frazione di […]