D’Argenio: “Il giardino di Rione Aversa deve essere preservato”

“L’amministrazione comunale colpisce ancora. Oltre ai pessimi segnali che arrivano sul fronte trasparenza con l’inchiesta parcheggi, proseguono le iniziative scellerate il cui unico scopo sembra aprire inutili cantieri. E’ scandaloso che si voglia realizzare un centro polivalente a rione Aversa, a poche centinaia di metri da strutture già realizzate e abbandonate al degrado come Parco Palatucci o i campetti del quartiere stesso. Ancora più scandaloso è che per farlo si vogliano abbattere più …

“L’amministrazione comunale colpisce ancora. Oltre ai pessimi segnali che arrivano sul fronte trasparenza con l’inchiesta parcheggi, proseguono le iniziative scellerate il cui unico scopo sembra aprire inutili cantieri. E’ scandaloso che si voglia realizzare un centro polivalente a rione Aversa, a poche centinaia di metri da strutture già realizzate e abbandonate al degrado come Parco Palatucci o i campetti del quartiere stesso. Ancora più scandaloso è che per farlo si vogliano abbattere più di quaranta alberi che oltretutto hanno un valore affettivo enorme per gli abitanti del quartiere. A tutto ciò si aggiunge la mancanza di sensibilità verso un gruppo di cittadini che si sono rimboccati le maniche e hanno strappato all’incuria una fetta di verde pubblico, rendendo un servizio ai proprietari di cani che possono portare i loro amici a quattro zampe in uno spazio lindo e attrezzato. Il tutto a loro spese. Stiamo parlando di un esempio compiuto di riappropriazione di un Bene Comune che dovrebbe diventare un modello da seguire ed estendere. Si blocchi immediatamente il progetto, si porti a frutto la discussione sui beni comuni che è stata aperta dai comitati cittadini come quello per l’Eliseo, e si lasci ai cittadini di rione Aversa gestire e curare amorevolmente come già fanno il loro giardino”. Lo afferma in una nota Costantino D’Argenio del PRC di Avellino.

Ultimi Articoli

Attualità

Un ulivo per Chiara, vittima del Covid a 17 anni

3 Dicembre 2021 0

A distanza di un anno dalla scomparsa di Chiara Vittoria, la più giovane vittima del Covid-19 in Irpinia, i genitori della 17enne di Avella ricorderanno la cara figlia piantando un ulivo nell’aiuola di fronte al […]