Protesta degli ambulanti, terminal autobus chiuso: che caos ad Avellino!

Alle 6 di questa mattina erano già arrivati i primi mezzi, quei furgoni con cui gli ambulanti si apprestano quotidianamente ad aprire la bancarella nel mercato del paese o della città che li ospita.

Così hanno provato a fare pure ad Avellino ma hanno trovato la strada sbarrata: tre pattuglie dei vigili urbani hanno impedito loro di accedere al piazzale antistante lo stadio Partenio, in ossequio a una ordinanza diffusa sabato scorso seconco cui è stato stabilivo che il mercato bisettimanale di Avellino è sospeso fino a nuovo ordine.

Non tutti erano a conoscenza di questa decisione, ancora meno i tantissimi potenziali clienti che sono giunti nella zona dello stadio scoprendo che non solo era stato abolito il mercato ma imbattendosi in centinaia di persone arrabbiate: erano gli ambulanti che hanno espresso il loro disappunto per la decisione del sindaco di Avellino.

Più tardi sono arrivati pure i mezzi della Polizia di Stato e dei Carabinieri, il personale della Digos e altri vigili urbani che hanno bloccato il traffico nella zona dello stadio.

Gli autobus che avrebbero dovuto stazionare presso il capolinea dello stadio, sono stati dirottati altrove, verso Piazza Macello e Campetto Santa Rita, con enorme disagio per gli utenti che sono andati alla ricerca del bus.

Intorno alle 10 una delegazione degli ambulanti si è portata in Prefettura per esprimere il disappunto per l’ordinanza del Sindaco e prospettare i problemi della categoria, con 250 persone impossibilitate a lavorare in seguito a una decisione che deriva dall’impossibilità di convivenza tra terminal bus e mercato bisettimanale.

Una matinata di estremo caos, fortunatamente senza incidenti nonostante la tensione: importante è stato il ruolo svolto dai vigili urbani e dalle forze dell’ordine.

L’impressione è che l’ordinanza del sindaco di Avellino possa essere revocata: i fatti hanno dimostrato che è sbagliata e ingiusta nei confronti di chi ha necessità di lavorare e degli utenti dei mezzi pubblici, sballottati da una parte all’altra di una città con tanti buchi neri: non solo il tunnel, il mercatone e altro ancora, soprattutto il mancato completamento dell’autostrazione.

Possibile che nessuno abbia responsabilità? E se vi sono responsabilità, possibile che nessuno sia chiamato a risponderne?

Ultimi Articoli

Top News

Draghi “In Italia vaccinazione più spedita che nel resto d’Europa”

20 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Dopo un avvio stentato, la campagna di vaccinazione europea ha raggiunto risultati molto soddisfacenti. Nell’Unione europea, quasi quattro adulti su cinque hanno ricevuto almeno una dose di vaccino, per un totale di 307 milioni di persone. In Europa, abbiamo somministrato 130 dosi di vaccino per 100 abitanti, a fronte delle 121 negli […]

[…]

Top News

Ue, Gentiloni “Adattare il Patto di Stabilità agli investimenti”

20 Ottobre 2021 0
BRUXELLES (BELGIO) (ITALPRESS) – Il Patto di Stabilità “ha ottenuto risultati ambivalenti. Da un lato è stato uno strumento unico per coordinare le politiche di bilancio e tenere sotto controllo il deficit. Dall’altro vi sono questioni aperte, a cominciare dalla complessità delle regole e dalla loro tendenza pro-ciclica. Inoltre, dobbiamo capire come poterle adattare alle […]

[…]

Top News

Ue, Dombrovskis “Il Patto di Stabilità ha funzionato”

20 Ottobre 2021 0
BRUXELLES (BELGIO) (ITALPRESS) – “Il Patto di stabilità, in base alla nostra valutazione, ha funzionato bene, ha abbastanza flessibilità come la crisi ha dimostrato: siamo stati capaci di attivare la clausola di salvaguardia e di fornire uno stimolo fiscale molto considerevole all’economia ma ci sono alcuni elementi che vanno affrontati. Bisogna assicurare una riduzione del […]

[…]

Top News

Consiglio dei Ministri approva la Manovra di bilancio 2022

19 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il Consiglio dei ministri ha approvato il “Documento programmatico di bilancio per il 2022”, che illustra le principali linee di intervento che verranno declinate nel disegno di legge di bilancio e gli effetti sui principali indicatori macroeconomici e di finanza pubblica. Il documento, in via di trasmissione alle autorità europee ed al […]

[…]