Precari della scuola, appello per manifestazione di Napoli

Precari della scuola, appello per manifestazione di Napoli

Coordinamento Precari della Scuola di Avellino, ecco l’appello per la manifestazione di sabato prossimo a Napoli:
“A partire dalla Legge 133/08, il governo Berlusconi ha messo in atto un vero e proprio piano di smantellamento di tutto il sistema pubblico di istruzione, formazione e ricerca. Nell’arco di tre anni, verranno tagliati alla scuola pubblica 8 miliardi di euro. Ciò significa che si perderanno circa 150.000 di posti di lavoro, tra personale docente ed ATA: un vero e proprio licenziamento di massa. I primi a pagarne le conseguenze sono i precari che, dopo aver garantito per anni il funzionamento delle istituzioni scolastiche, rischiano di essere definitivamente espulsi dal mondo della scuola. Ma le ricadute negative della “riforma” sono gravissime anche per i docenti di ruolo, al centro di un progressivo processo di precarizzazione. L’introduzione del maestro unico alla scuola primaria, l’aumento degli alunni per classe, la riduzione del tempo pieno, dei quadri orari, delle ore di sostegno, la scomparsa delle sperimentazioni, il ridimensionamento di alcune discipline fondamentali, soprattutto dell’area umanistica, e dei laboratori, determineranno una fortissima contrazione degli organici di diritto e di fatto. Se i precari saranno i futuri disoccupati, i docenti di ruolo saranno i futuri precari. Il progetto del governo è chiaro: tagliare risorse statali per gettare la scuola nelle mani dei privati e delle aziende, distruggendo la libertà di insegnamento ed i più elementari diritti dei lavoratori di questo settore. Il risultato sarà una scuola più povera dal punto di vista delle risorse materiali e culturali, una scuola che, cesserà di adempiere a quello che è il suo compito primario: fornire ai ragazzi gli strumenti critici per affrontare la realtà. La “riforma” Gelmini mina alla base il diritto allo studio ed il diritto al lavoro, sanciti dalla Costituzione, e smantella l’intero sistema pubblico di istruzione, formazione e ricerca. Manifestazione Nazionale in difesa della scuola pubblica, per il diritto allo studio, per il lavoro!” Napoli, sabato 30 ottobre 2010 ore 14:30 concentramento in Piazza Mancini (nei pressi della Stazione Centrale)

Ultimi Articoli

Top News

Coronavirus, 10.554 nuovi casi e 207 decessi in 24 ore

7 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Contagi in discesa in Italia nelle ultime 24 ore. I nuovi positivi, secondo il bollettino del Ministero della Salute sono 10.554 contro i 10.585 di ieri con 328.612 tamponi processati e che fanno scendere il tasso di positività al 3,21%. In calo pure i decessi: 207 (ieri erano stati 258). I guariti […]

[…]

Top News

Sicilia, Sardegna e Val d’Aosta in zona arancione, altre regioni in giallo

7 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il ministro della Salute Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della cabina di regia, firmerà in giornata nuove ordinanze che andranno in vigore a partire dal 10 maggio. Nessuna regione è in area rossa. Sono in area arancione le regioni Sicilia, Sardegna e Valle d’Aosta. Tutte le altre regioni […]

[…]

Top News

Draghi “Italia non è come dovrebbe essere, con Pnrr cambio di passo”

7 Maggio 2021 0
OPORTO (PORTOGALLO) (ITALPRESS) – “Già prima della pandemia la nostra società e il mercato del lavoro presentavano delle spaccature profonde, le diseguaglianze di genere e territoriali a livello regionale c’erano già. Il livello di disoccupazione in Italia era preoccupante già prima dell’emergenza Covid, con un divario del doppio rispetto ai dati dell’Europa. L’Italia non è […]

[…]

Top News

Lavoro, Orlando “Lo Stato non può risparmiare sulla sicurezza”

7 Maggio 2021 0
Firenze (Italpress) – “Non basta il cordoglio, non basta la vicinanza, non basta neanche l’indignazione. Occorre fare. Oggi ci siamo confrontati con tutti gli organi deputati al controllo per capire quali sono gli interventi che possono ulteriormente rafforzare gli strumenti di prevenzione e di contrasto al rischio. Si può agire su più livelli”. Lo ha […]

[…]

Top News

A marzo vendite al dettaglio stazionarie, forte crescita su anno

7 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Per il complesso delle vendite al dettaglio a marzo l’Istat registra una sostanziale stazionarietà congiunturale. A ciò si contrappone un fortissimo incremento tendenziale che riflette i livelli particolarmente depressi che avevano caratterizzato marzo 2020, primo mese di chiusura forzata di molte attività commerciali a causa dell’emergenza sanitaria, in particolare nei settori non […]

[…]