Petizione per richiedere l’azzeramento dei vertici dell’Alto Calore. E Anzalone scrive a Renzi…

“Nell’Irpinia delle sorgenti, una sorta di grande acquedotto naturale, l’acqua dovrebbe essere un patrimonio comune addirittura scontato. In fin dei conti, basta aprire un rubinetto per averne. Ma non è così. La popolazione irpina è stanca dei continui disagi e disservizi: emergenze continue d’estate e d’inverno causate da una rete idrica fatiscente e obsoleta. Ecco perché chiediamo le dimissioni del Presidente Lello De Stefano responsabile da anni di questo stato di cose”.

Con questa petizione sul web, alcuni attivisti di Grottaminarda hanno voluto lanciare un appello alla società civile e raccogliere, con la richiesta di azzeramento dei vertici dell’Alto Calore, tutti i cittadini-utenti che da anni lottano e si organizzano in solitudine contro i disagi e continui disservizi causati dall’Ente di Gestione della rete idrica Irpina.  Nata con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica, in pochi giorni la raccolta firme ha contribuito ad attivare un meccanismo a catena sui vari quotidiani locali che ha portato, finalmente, l’Alto Calore a dichiarare lo stato di emergenza e a fissare, per il giorno 20 giugno, un vertice operativo di concertazione a cui seguirà, entro la fine del mese, la convocazione dell’assemblea dei soci dell’ente pubblico. 
Intanto la petizione incassa la firma e il sostegno del già Presidente della provincia, nonché Assessore regionale, Luigi Anzalone che si rivolge direttamente a Matteo Renzi per chiedere il commissariamento dell’Alto Calore. 
“Caro Segretario Matteo Renzi – scrive Anzalone – ha dell’incredibile ma è così. L’Irpinia, una terra che naviga sull’acqua, il più grande bacino idrico del Mezzogiorno, vive già un’emergenza idrica che si annuncia drammatica Come mai? Semplice: le condutture sono vecchie di 50 anni e più; ridotte a groviere, perdono il 50% dell’acqua che captano alle sorgenti e i siti ad esse circostanti registrano continue frane. Perché? Semplice sempre: l’Ente Alto Calore, che gestisce questa immensa ricchezza, è, da 50 anni, un carrozzone democristiano finalizzato al favore, al comparaggio e al clientelismo. L’esemplificazione dimostrativa sono le ruberie, certificate dalla magistratura, gli sprechi e i gli intrallazzi quotidiani, i lavori di riparazione mal eseguiti e superpagati, la pletora di assunti che nulla hanno che vedere con la gestione del servizio, ma sono i comitati elettorali dei dc di ieri e di oggi (PD). L’Ente ha accumulato anche 150 milioni di euro di deficit. Un anno fa segnalai a te e Cantone la necessità di commissariare l’Alto Calore. Nessuna risposta. E ora, caro Segretario, che cosa farai?”.

Ultimi Articoli

Top News

Il posticipo va al Venezia, Aramu stende la Fiorentina

18 Ottobre 2021 0
VENEZIA (ITALPRESS) – Sono 3 punti pesanti in chiave salvezza quelli conquistati dal Venezia, che nel posticipo dell’ottava giornata supera per 1-0 la Fiorentina uscendo momentaneamente dalla zona retrocessione. Dopo un avvio tutt’altro che emozionante è la Viola a creare la prima occasione da rete al 21′ quando Bonaventura ci prova dal limite dell’area ma […]

[…]

Top News

Al Vinitaly qualità e tutela sono le parole d’ordine

18 Ottobre 2021 0
VERONA (ITALPRESS) – Seconda giornata di Vinitaly nella sua Special Edition, con un occhio ai mercati internazionali ma anche a quello interno, oggi sorprendente. In questo settore si assiste a una rivoluzione rosa: le donne sono produttrici e manager nel settore vinicolo, ma soprattutto nel 2021 le wine lovers hanno superato gli uomini passando, secondo […]

[…]

Calcio Avellino

Avellino, tutti in bilico e rischio ‘rivoluzione’

18 Ottobre 2021 0

di Dino Manganiello La famiglia D’Agostino ha capito che il capitombolo è una eventualità che non si può non considerare. Ed allora ha cominciato a guardarsi intorno: sondaggi per non farsi trovare impreparati in caso […]

Top News

Ballottaggi, Meloni “Centrodestra sconfitto, ma non è una debacle”

18 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Credo che si debba riconoscere che il centrodestra esce sconfitto, credo che ne siamo tutti consapevoli. Il centrodestra conferma Trieste ma non strappa le altre 5 grandi città”. Lo ha detto la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, in conferenza stampa. “Credo che però a parlare di debacle un pò ce ne […]

[…]

Attualità

Incendio Montefredane: i primi dati Arpac

18 Ottobre 2021 0

Proseguono le verifiche dell’Agenzia ambientale della Campania in seguito all’incendio divampato nella notte tra sabato 16 e domenica 17 ottobre in un deposito di autoarticolati dell’azienda di trasporti Ba.Co. Trans srl situato nella frazione di […]