Pdz A1, 39 lavoratori senza più contratto

Pdz A1, 39 lavoratori senza più contratto

Le Organizzazioni sindacali unitariamente denunciano “il comportamento aberrante che si è perpetrato ai danni degli operatori del Piano di Zona di Ariano e dei cittadini dei Comuni interessati.
Da domani – si legge nella nota – si interrompono per oscuri giochi politici, i contratti di lavoro, tra l’altro, precario di 39 operatori e da domani si interrompe l’assistenza a centinaia di anziani, donne, bambini disabili, tossicodipendenti, immigrati. Dopo anni di lavoro e dopo innumerevoli richieste, di incontro a cui sono seguite solo promesse, ieri il CdA del neonato consorzio non ha rinnovato, i contratti di collaborazione che pure avevano concordato con le sigle sindacali in un ottica di concertazione, ai lavoratori che operano all’interno e sul territorio del Piano di Zona di Ariano.
Le organizzazioni sindacati chiedono con forza che si tenga in debito conto il diritto alla salute e all’assistenza di una cittadinanza che sempre più spesso viene lasciata da sola a fronteggiare problemi di disabilità e disagio sociale, e che si tenga in altrettanto conto il diritto al lavoro degli operatori che a diverso titolo garantiscono che questi servizi siano fruibili.
Da domani gli operatori del piano di zona di Ariano sono in stato di agitazione. Le sedi saranno aperte solo per comunicare ai cittadini che i servizi sono sospesi. Sarà chiesto successivamente un incontro al prefetto per concordare una linea”.

Ultimi Articoli

Top News

Roma con il cuore e solita Inter, all’Olimpico finisce 2-2

10 Gennaio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – I soliti blackout ma anche il cuore della Roma. E la solita Inter arrembante nei secondi tempi. All’Olimpico termina 2-2 tra le squadre di Fonseca e Conte che si spartiscono un punto prima degli incroci con Juventus e Lazio. Le prime chance da gol sono dei nerazzurri: al 13′ Lukaku svetta in […]

[…]

Top News

Covid, da domani l’Italia torna “a colori”

10 Gennaio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Cinque regioni in zona arancione, le altre in area gialla. Dopo le festività natalizie, da domani torna la divisione delle regioni in fasce. Secondo la nuova ordinanza firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza, cinque regioni saranno in zona arancione. Si tratta di Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto. Vanno in […]

[…]