Luigi Amabile, successo per la festa del centenario

Era scritto nel cielo, il 29 settembre 2012 sarebbe stata una serata stellata, memorabile per l’Istituto Luigi Amabile di Avellino. Come festeggiare i 100 anni di uno storico Istituto avellinese? Il Prof. Enrico Petruzzo, regista impeccabile e referente del centenario ha detto: un doveroso omaggio verso tutti: alunni, docenti e Presidi che hanno scritto le pagini del libro “cuore” amabilmente! La settima “fatica” naturalmente, era già prevista nel calendario come gli altri sei eventi distribuiti e già realizzati con successo nel corso dell’anno. Ma quest’ultimo era il più atteso. Obiettivo ardito ma possibile: il festeggiare davanti all’Istituto nella giornata storica della ricorrenza. Con grande ricerca, passione ed abnegazione, l’evento si è concretizzato. E, allora: con il patrocinio morale del Comune e la chiusura al traffico di Via De Concilii, sabato sera, si è svolta la manifestazione musicale conclusiva del centenario dell’Istituto Tecnico Economico “Luigi Amabile”. Era il 29 settembre 1912 quando viene riconosciuto governativo con decreto n. 1341 la nuova ed attuale sede che fu inaugurata il 28 ottobre 1934. La storia professionale e culturale della nostra provincia passa anche attraverso l’Istituto Amabile che in cento anni di vita scolastica ha diplomato migliaia di alunni, molti affermatisi in vasti campi professionale a livello nazionale e non solo. Festeggiare un secolo di storia è un traguardo importante per tanti aspetti, ma anche per l’ansia, la gioia e l’emozione di incontrarsi, dopo tanti anni, in una festa celebrativa che coinvolge anche la cittadinanza. Il vivere nelle “mura” dell’Amabile e l’entusiasmo per festeggiarlo è stato recepito da tutti. Infatti, numerosi sono stati i messaggi augurali pervenuti con ogni mezzo di comunicazione. Tra i primi il Dott. Antonio Pascotto (ex alunno) redattore capo Tg 4 Mediaset. Particolarmente toccanti gli auguri anche degli ex illustri docenti come Mario Agnes e Pellegrino Capaldo e del Dott. Luigi Amabile, pronipote dell’illustre irpino cui è intitolato l’Istituto. Un successo annunciato anche da tutte le tv e stampa locale ma un successo di pubblico a testimonianza che la città ha seguito e risposto alla grande manifestazione. Palco davanti all’Istituto, divieto di sosta e 300 sedie per gli ospiti. L’evento è stato presentato dal giornalista Gianni Festa (Presidente del Co.re.com. e del Comitato ex alunni) e dalla V. Preside Matilde Della Sala.
Assente giustificata la Dirigente Scolastica Nicolina Silvana Agnes (impegnata con trenta alunni , in uno stage a Londra ). Momenti di grande emozioni, un revival nostalgico insieme festoso, nel rivedersi, riabbracciarsi con i cari amici dell’infanzia, vissuta nei banchi dell’Istituto. Non solo alunni, tanti ex docenti e Presidi come Paolino Salierno, 33anni al servizio all’Amabile,consulente storico dell’evento. Erano presenti anche altri Dirigenti scolatici, come Angelina Aldorasi, Generoso Zigarella e il Preside Mario Guarini, tra gli ospiti il Dott. Sabino Basso, Presidente Confindustria. In tanti hanno voluto essere presenti per rendere omaggio alla scuola che li ha formati: Antonio Matarazzo, ex sindaco di Avellino, Pietro Mitrione, Ciro Di Mauro, Antonio Clemente, alunno del 1938, ex direttore generale del Ministero del Tesoro, il Preside Mario Matarazzo,il Dott.Carmine Preziosi vincitore di numerosi campionati studenteschi, Angelo Trunfio, Elio Iannuzzi, docente di economia all’ Università di Salerno, Teresa Cucciniello, Rosanna Rebulla, Gennaro Palumbo, Dora Capozzi, Gerardo Capussela e tanti altri, alcuni venuti appositamente da Roma, Bologna e Como. Una nota per il Cav. Angelo Trunfio che ai cari, vecchi amici, ha raccontato la sua simpatica iniziativa di ritrovarsi, ogni dieci anni, proprio vicino all’Istituto, come un vero e proprio raduno. La scuola di una volta, la scuola dove i sacrifici erano all’ordine del giorno e le conquiste avevano un sapore particolare, anche quelle sentimentali, come il primo amore che non si scorda mai ! Ma veniamo alla serata: “Cin, cin, Amabilmente 100! Tocca al giornalista Gianni Festa, Presidente del comitato ex alunni, che non nasconde l’emozione, aprire l’evento e invitare sul palco le autorità: Giuseppe Galasso, Sindaco di Avellino, Girolamo Giaquinto, Assessore alla cultura Provincia di Avellino, Antonio Gengaro Presidente Consiglio comunale e il Dott. Domenico Carrino, Direttore vicario della BCC- Banca Irpina sponsor unico di tutti gli eventi del centenario. Prima lo special di Alberto Limone e a seguire, con la fantastica e brillante Anna Lenzi, docente dell’istituto, lo spettacolo musicale con i Silver Boys, che hanno allietato la serata con musiche di revival proiettate sulle onde della magia della buona musica degli anni sessanta. Ha trovato spazio la riuscita esibizione del coro degli alunni dell’Amabile composto da: Federico Di Salvatore, Ilaria Penta, Giulia Di Salvatore, Antonella Giannino, Ersilia La Sala e Francesco Russo, che si sono cimentati, con il Prof. Enrico Petruzzo, nella canzone “Il Ragazzo della Via Gluck”.
Una festa ben riuscita anche grazie all’informazione validamente curata dal comm. giornalista Giuseppe Petrucciani, delegato stampa del comitato ex-alunni.

Ultimi Articoli

Top News

Covid, Mattarella “Vaccinazione dovere morale e civico”

28 Luglio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “La pandemia non è ancora alle nostre spalle. Il virus è mutato e si sta rivelando ancora più contagioso. Più si prolunga il tempo della sua ampia circolazione più frequenti e pericolose possono essere le sue mutazioni. Soltanto grazie ai vaccini siamo in grado di contenerlo. Il vaccino non ci rende invulnerabili, […]

[…]