La denuncia: Il pronto soccorso del Moscati sembra un ospedale da guerra

Il sindacato Nursind Avellino ha emesso il seguente comunicato:

Il Nursind dvellino segnala ancora una volta le gravi criticità che si registrano nel Pronto Soccorso della Città Ospedaliera.

In questi ultimi due giorni si è registrato un grave fenomeno di stazionamento dei pazienti nelle varie sale mediche, una situazione di sovraffollamento che mette a rischio la sicurezza delle cure prestate agli utenti. Addirittura ieri pomeriggio si è registrato l’esaurimento di letti e barelle dove poter visitare i pazienti.

Visita medica sulla sedia

Un paziente trasportato dal 118, a causa dell’esaurimento di barelle, è stato visitato su una sedia. Ci è stato segnalato che lo stesso paziente ha avuto una sincope ed è caduto sul pavimento rimediando dei punti di sutura. Il pronto soccorso del Moscati sembra sempre più un ospedale da guerra, dove a pagarne le conseguenze sono i cittadini e gli operatori sanitari.

Malati oncologici

La nostra Organizzazione sindacale, in qualità del segretario provinciale, Romina Iannuzzi e del segretario aziendale Rosapane Michele, segnalano poi un altra criticità che si sta registrando da mesi nell’azienda Ospedaliera Moscati e che ha come vittime della disorganizzazione aziendale i malati oncologici.

Al pronto soccorso del Moscati si registra ormai quotidianamente l’accettazione di questi pazienti a causa di una rete oncologica del tutto assente. Alcuni di loro vengono inviati direttamente dall’ambulatorio di oncologia in pronto soccorso ad esempio per effettuare delle emotrasfusioni di sangue oppure a causa degli effetti collaterali delle chemioterapie.

Nessun percorso operativo

Mentre in altre aziende d’Italia i day hospital di oncologia trattano alcune delle complicanze delle malattie oncologiche come ad esempio effettuare trasfusioni di sangue, al Moscati di Avellino quello che si sta verificando è che i pazienti oncologici vengono inviati come pacchi postali dall’ambulatorio di oncologia al pronto soccorso solo ad esempio per eseguire una trasfusione.

Questi pazienti dovrebbero avere un percorso operativo che li tuteli e che sia dedicato esclusivamente a loro, la loro presenza nel pronto soccorso per effettuare prestazioni da day hospital è la fotografia di un sistema Sanitario regionale fallimentare, di una rete oncologica territoriale e aziendale carente.

Acqua da tutte le parti

Chiediamo a questa direzione generale di mettere mano ad un organizzazione aziendale che sta facendo acqua ormai da tutte le parti, o si adotteranno provvedimenti organizzativi urgenti di risoluzione di queste problematiche ataviche o ci sarà una mobilitazione con esposti agli organi competenti.

Ultimi Articoli

Top News

Draghi incontra Salvini, Lega “Evitare il ritorno alla legge Fornero”

25 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha incontrato oggi pomeriggio a Palazzo Chigi il segretario della Lega, Matteo Salvini. Lo rende noto la Presidenza del Consiglio.Di “lungo e positivo colloquio” parla la Lega, che spiega: “Il leader del Carroccio ha illustrato le sue proposte per rilanciare il Paese e difendere lavoro e […]

[…]

Top News

Renzi “Sul ddl Zan avevamo ragione noi”

25 Ottobre 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Sul Ddl Zan, Letta apre alle modifiche, come noi avevamo suggerito quattro mesi fa. Bene così, è una scelta che apprezzo. Nessuno fortunatamente ha insultato Enrico, come invece in tanti hanno fatto con noi, quando avevamo posto il tema. La verità è che avevamo ragione: se vogliamo che la legge passi, vanno […]

[…]

Avellino

Blitz antidroga ad Avellino: in manette pregiudicato di 50 anni

25 Ottobre 2021 0

Gli agenti della Mobile di Avellino, hanno tratto in arresto un 50enne pregiudicato avellinese, responsabile di spaccio di droga. I poliziotti, conoscendo già l’uomo come possibile spacciatore, hanno eseguito una perquisizione domiciliare e hanno ritrovato marijuana […]

Top News

Salmo, “Flop” è disco di platino

25 Ottobre 2021 0
MILANO (ITALPRESS) – Il nuovo album di Salmo “Flop” è certificato disco di platino, assieme al singolo “Kumite”, che ottiene oggi la certificazione oro. Il disco, uscito venerdì 1 ottobre, è da tre settimane alla posizione #1 della classifica FIMI degli album più venduti.Un nuovo risultato che va ad aggiungersi alla posizione #1 per “Flop” […]

[…]