Irisbus, centinaia i lavoratori incantenati davanti l’azienda

FLUMERI – Da questa mattina centinaia di lavoratori dell’azienda Irisbus (gruppo Fiat) della Valle dell’Ufita in provincia di Avellino, si sono incatenati ai cancelli in segno di protesta contro la decisione dell’eventuale chiusura e/o la mancanza di chiarimenti rispetto alla trattativa di cessione già avviata. Pertanto tutti i 700 dipendenti hanno deciso di non entrare in fabbrica per manifestare perplessità sulle trattative avviate.
L’On. Marco Pugliese, che si e’ fatto promotore di una interpellanza urgente al Ministro dello Sviluppo Economico – Paolo Romani, esprimendo solidarietà ai lavoratori si meraviglia del fatto che nessun organo d’informazione nazionale e locale sia presente in loco, altresì chiede al Governo di fare immediata chiarezza rispetto a quanto sta accadendo.
Inoltre, l’Onorevole Pugliese, ha dichiarato: “Chiedo un intervento immediato da parte delle Istituzioni, Nazionali e Regionali, di far sedere al tavolo delle trattative, gli imprenditori, le forze sindacali e le forze sociali, per spingere ad un accordo per una risoluzione tempestiva e definitiva a salvaguardia dell’azienda e di tutti i lavoratori”.

Ultimi Articoli

Top News

Il generale Figliuolo nuovo commissario per l’emergenza Covid

1 Marzo 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha nominato il generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo nuovo commissario straordinario per l’emergenza Covid-19. “A Domenico Arcuri i ringraziamenti del Governo per l’impegno e lo spirito di dedizione con cui ha svolto il compito a lui affidato in un momento di particolare emergenza per […]

[…]

Top News

Covid, Speranza “Le prossime settimane non saranno facili”

1 Marzo 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Le prossime settimane non saranno facili dal punto di vista della gestione del Covid. Le istituzioni hanno il compito di dire sempre la verità anche quando non porta consenso. Le prossime settimane non sono facili: abbiamo una campagna vaccinale da accelerare, i numeri stanno andando nella direzione giusta ma bisogna ancora crescere. […]

[…]