Frigento: Furti in abitazione denunciati tre rumeni

Non si ferma la controffensiva dei Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino per il contrasto ai reati predatori, in particolare ai furti in abitazione. I Carabinieri della Compagnia di Mirabella Eclano, costantemente impegnati in quella capillare attività di controllo del territorio tesa a garantire sicurezza e rispetto della legalità, hanno posto grande attenzione alla problematica, intensificando i controlli e garantendo la massima presenza di uomini sul territorio, soprattutto durant…


Non si ferma la controffensiva dei Carabinieri del Comando Provinciale di Avellino per il contrasto ai reati predatori, in particolare ai furti in abitazione. I Carabinieri della Compagnia di Mirabella Eclano, costantemente impegnati in quella capillare attività di controllo del territorio tesa a garantire sicurezza e rispetto della legalità, hanno posto grande attenzione alla problematica, intensificando i controlli e garantendo la massima presenza di uomini sul territorio, soprattutto durante le ore notturne ed in quelle aree particolarmente colpite dal fenomeno, sia per prevenire i reati predatori che per intervenire con tempestività ed efficacia quando necessario. Durante l’esecuzione di tali servizi, in Frigento, i Carabinieri della locale Stazione hanno intercettato un veicolo che si aggirava in prossimità di abitazioni isolate. Immediatamente bloccato, si procedeva all’identificazione dei cinque occupanti, un uomo e quattro donne tutti di nazionalità romena e domiciliati in Napoli, con a carico svariati precedenti penali. In particolare, durante i rituali accertamenti si accertava che a carico di un 30enne pendeva un provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale: il giovane veniva pertanto deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino per il reato di inosservanza di provvedimento dell’Autorità. L’uomo, con a carico svariati precedenti penali per reati contro il patrimonio e la persona, veniva altresì allontanato con proposta per l’emissione di Foglio di Via Obbligatorio. Anche due delle quattro occupanti del veicolo, rispettivamente di anni 28 e 33, venivano deferite in stato di libertà alla medesima Autorità Giudiziaria poiché già destinatarie di Foglio di Via per i comuni di Frigento e Sturno. Per le restanti due donne, una 30enne ed una 43enne, e’ scattata la proposta per l’emissione del medesimo provvedimento atteso che non fornivano valide giustificazioni circa la loro presenza in quel luogo. __________________

Ultimi Articoli

Top News

Scuola, Bianchi “A settembre tutti in aula in sicurezza”

6 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – “Voglio riportare a settembre tutti gli studenti in aula e in sicurezza”. Così, in un’intervista a la Repubblica, il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi. “L’obiettivo è avere tutti gli studenti in presenza, anche quelli delle superiori. E per farlo il nostro primo problema è garantire la sicurezza. La scuola oggi ha bisogno di […]

[…]

Top News

Recovery, sindacati “Dal Governo impegno al confronto”

5 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza i sindacati ottengono “l’impegno del governo ad affrontare” insieme “alcune questioni”, a cominciare dalla necessità “di definire il ruolo delle organizzazioni sindacali nella cabina di regia”. Lo ha detto il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, al termine di un incontro a Palazzo Chigi tra […]

[…]

Top News

Prestiti, moratorie ancora attive per 157 miliardi

5 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – Le moratorie tuttora attive riguardano prestiti del valore di circa 157 miliardi, a fronte di 1,4 milioni di sospensioni accordate; superano quota 161 miliardi le richieste di garanzia per i nuovi finanziamenti bancari per le micro, piccole e medie imprese presentati al Fondo di Garanzia per le PMI. Attraverso Garanzia Italia di […]

[…]

Top News

Vaccini, Sileri “Seconda dose di Pfizer a 42 giorni un’opportunità”

5 Maggio 2021 0
ROMA (ITALPRESS) – La seconda dose dei vaccini Pfizer e Moderna entro 42 giorni “è un’opportunità. Io lo dissi già a gennaio all’inizio della terza ondata, cosi come altri scienziati, di fare come il modello inglese. Ora che stiamo vivendo la coda della terza ondata è stato chiarito che la seconda dose può essere prolungata […]

[…]