Forestali Campania, indetto lo sciopero per il 12 luglio: “Senza stipendio da 10 mesi”

Le Organizzazioni Sindacali regionali di Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila Uil Campania hanno dichiarato lo stato di mobilitazione dei lavoratori idraulici forestali della Campania, indicendo lo sciopero generale per il prossimo 12 luglio.

“Il Governatore De Luca si è dimenticato di loro – hanno affermato le segreterie in una nota congiunta -. Questo segnale viene dalla ripartizione dei fondi per l’antincendio boschivo ridotti, per gli enti delegati, di circa il 70% per il corrente anno. Un altro colpo alla già critica situazione dei 4000 operai forestali campani che non percepiscono il salario da oltre 10 mesi, con punte di 20 mensilità arretrate in alcuni enti montani. Ad oggi non vi è ancora nessun impegno finanziario regionale sui fondi europei per gli anni 2018 e 2019, eppure il Governatore De Luca continua a dichiarare che tutto va bene”.

Nei prossimi giorni – annunciano Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil Campania – in vista dello sciopero generale regionale, ci saranno iniziative di protesta, presso le sedi della Prefettura delle cinque province campane, con la consegna di un documento unitario contenente i temi della mobilitazione”.

Il 12 luglio prossimo i lavoratori forestali campani si ritroveranno sotto la sede della giunta regionale della Campania, in via Santa Lucia a Napoli.

Ultimi Articoli

Top News

In Italia 600 mila nuovi poveri per il Covid

23 Novembre 2020 0
ROMA (ITALPRESS) – L’allargamento delle maglie del disagio sociale, un aumento delle disparità, un più ampio gender gap. Sono alcuni dei dati emersi dal secondo Rapporto Censis -Tendercapital sui Buoni Investimenti, “La sostenibilità al tempo del primato della salute”, presentato oggi, dal quale emerge una società in affanno, che a causa della pandemia vede ampliarsi […]

[…]

Top News

Il Covid frena l’export di vino, -4,6% per l’Italia

23 Novembre 2020 0
VERONA (ITALPRESS) – La pandemia condiziona il commercio mondiale di vino, ma anche qui l’impatto varia a seconda dei casi. Per l’Italia, che nel 2020 chiuderà il proprio export con un -4,6% a valore (6,1 miliardi di euro) sull’anno precedente, gli effetti saranno complessivamente più leggeri rispetto al trend globale (-10,5%) e ancora di più […]

[…]